contatore sito web
Giovannantonio Macchiarola
Giovannantonio@aruba.it
         www.sansevero.it
PREMESSA                                Tanto   tempo   fa,   ho   avuto   modo   di leggiucchiare   un   libro   di   Fabio   Cusin,   dal titolo   “Antistoria   d’Italia”   con   una   bella copertina,   come   si   facevano   una   volta   le copertine    dei    libri,    a    350    lire,    delle edizioni economiche Mondadori.     Una    composizione    colorata    che    oggi potrei     ricordare     come     pop     art,     tutta italiana    però,    per    il    collage    di    vignette che         rimandavano         a         immagini risorgimentali     intraviste     sui     libri     di scuola…    Non   ho   più   a   disposizione   quel   libro   e non   l’ho   mai   finito   di   leggere,   anche   se, ad   essere      sincero,   dovrei   meglio   dire   che ne   ho   letto   solo   le   prime   pagine;   forse solo     l’introduzione     e     la     quarta     di copertina…      ma      che,      tuttavia,      m’è        rimasto   nel   cuore   per   quello   che   mi   ha comunicato   o   forse   per   quello   che   io   ne ho ricavato.   
        Poiché   non      sono   in   grado   di   citarlo,   posso   solo tentare    di    darne    un    riferimento    “a    memoria”.    Si tenga,   comunque,   conto   che   la   citazione   potrebbe essere   ingannevole   e   non   certo   per   mio   tornaconto ma   solo   per   la   sommaria   valutazione   che   ne   feci allora   e   della   pubere   età   di   quell’incontro,   se   non dovessi   aggiungere   i   limiti   della   memoria   di   una   età matura e il tempo trascorso.
            In   conclusione,   Cusin   sosteneva   che   le   varie
dominazioni     seguite     alla     caduta     dell’impero
romano    (da    quelle    Ostrogote    fino    a    quelle    dei
Francesi    e    degli    Spagnoli)    avevano    decimato
quegli   Italiani   che   per   carattere   e   tempra   morale
si    opponevano,    insorgevano    e    si    ribellavano    ai
soprusi   e   alle   angherie   dei   conquistatori,   per   cui
il     “gene     italico”     era     sopravvissuto     e     aveva
proliferato   grazie   ai   deboli,   ai   sottomessi   e   agli
asserviti;   a   quelli   capaci   di   adattarsi   alle   mutevoli
condizioni storiche e sociali.        Secondo   questa   visione,   la   Selezione   Nazionale ”, consentendo    la    sopravvivenza    solo    a    quanti    sono capaci    di    adattarsi,    ha    conservato    l’esistenza    e    la progenie   solo   dei   deboli,   dei   vili,   dei   succubi   e   degli ignavi   (“ che   non   avrei   creduto/   che   morte   tanta   ne avesse   disfatta ”   dice   Dante)   di   cui   gli   italiani   che abitano    oggi    questa        mera    estensione    territoriale, sono    il    momento    storicamente    più    alto    se    non    il culmine.                                                               continua…