UN SINDACO A DIGIUNO DI LEGALITA’
indietro
avanti
                Ma   quello   che   avrei   voluto   lei   cogliesse   (come   avrei voluto   comprendesse   qualche   testata   giornalistica)   è che   la   mia   vicenda   mette   in   luce   la   sordida   mafiosità della   Amministrazione    del    Comune    di    San    Severo (da   cui   non   credo,   tra   l’altro,   sia   immune   molta   della pubblica     amministrazione     in     generale)     e     della sfrontata     capacità     di     questa     di     agire     contro Regolamenti,   Statuti,   Leggi   e   contro   lo   stesso   “senso comune”,   contando,   sul   silenzio   omertoso   e   colpevole di    una    ignava,    ignobile,    ossequiente    e    squallida dirigenza,    cooptata    per    assenza    di        meriti    dalla politica;    sulla    pecorile    e    succube    acquiescenza    del personale;     sulla     omertà     dei     sindacati     locali     e provinciali     nonché     sulla     inerzia     dell’Arma     dei Carabinieri   e,   come   i   fatti   dimostrano,   della   stessa Magistratura.             Confidavo,    pertanto,    sulla    sua    sensibilità    di magistrato   per   comprendere      il   malessere      di   vivere in   un   Paese   da   Terzo   Mondo   dove   la   “Magistratura” -   alla   faccia   della   obbligatorietà   dell’azione   penale   - attende   sei   mesi   per   dare   avvio   ad   una   indagine   e, poi,    ben    ventotto    mesi    per    disporre    -    ma    solo    a seguito       dell’intervento       del       Presidente       della Repubblica    -    la    iscrizione    dei    “presunti    colpevoli” nel   registro   degli   indagati   con   l’accusa   principale   di “sequestro   di   persona”   per   dare,   poi,      avvio   a   sei   o sette    richieste    di    pretestuose,    quanto    inutili,    e    del tutto   superflue   indagini   suppletive   da   parte   del   GIP mentre    ad    ognuna    la    medesima    Procura    faceva richiesta di non rinvio a giudizio degli indiziati.
CAPITOLO PRIMO Lettera Aperta a Emiliano 1/3
Capitolo Primo
  Egregio Presidente          Nel   prendere   atto   della   mancanza   di   riscontro   alla mia   precedente,   voglio   presumere,   al   momento,   che la     sua     disattenzione     sia     attribuibile     solo     alla       molteplicità dei suoi impegni. Nel   timore,   tuttavia,   che   il   suo   silenzio   sia   invece l’effetto   di   un   fraintendimento   della   questione   che   le sottoponevo      –      semmai      la      mia      vicenda      sia assimilabile   ad   un   “caso”   –      e   non   volendo   pensare che   lei   possa   farsi   partecipe   della   indifferenza,   se non   dell’omertà,   che   ho   dovuto   subire   nel   corso   di quindici   anni,   vengo   ad   importunarla   di   nuovo,   e questa   volta   più   estesamente,   per   chiarire      le   ragioni che mi hanno spinto a coinvolgerla.          Ciò   che   volevo   evidenziare   con   la   mia   precedente   è la    circostanza    che    il    sindaco    del    Comune    di    San Severo,   che   lei   si   è   compiaciuto   di   “onorare”      nella veste   di   “Assessore   alla   Legalità”   (ponendosi   a   sua disposizione    come    specchietto    per    le    allodole    e coccarda   da   appuntarsi   in   petto)   è   quello   stesso   che, nella   veste   di   consigliere   di   opposizione,   prima,   e   di assessore    poi,    ha    partecipato    passivamente    alla persecuzione    attuata,    nonostante    i    miei    meriti    e, anzi,   proprio   per   quelli,   contro   la   mia   persona   e contro    il    mio    “Ufficio”        (se    si    compiacesse    di condividere   il   mio   concetto   di   Ufficio)   e   che   ora, nella    veste    di    Sindaco,    vi    persevera    attivamente      nella   cieca,   se   non   ottusa,   presunzione   che   la   serie   di azioni   illegali   perpetrate   contro   il   mio   Ufficio   e   a danno     della     mia     persona     siano     da     ritenersi legittime.   
LETTERA APERTA a Michele Emiliano 1