LETTERA APERTA al Sindaco di San Severo
Capitolo Primo
UN SINDACO A DIGIUNO DI LEGALITA’
         Non   avendo   avuto   tale   opportunità,   le   chiarisco   -se   è arrivato   a   leggermi   fin   qui-   che   stavo   a   richiedere   la sua    attenzione    nella    “presunzione”    che    solo    un    suo intervento   politico   sulla   attuale Amministrazione,   da   lei onorata    e    “coperta”    con    la    sua    presenza,    potrebbe restituire    la    patente    di    “legalità”    al    Comune    di    San Severo    in    virtù    di        un    “ravvedimento    operoso”    che, attraverso     il     riconoscimento     delle          azioni     illegali perpetrate    a    mio    danno    sia    a    livello    personale    che morale    e    professionale,    ne    comporti    la    susseguente assunzione di responsabilità.    Considerando,   comunque,   come   un   altro   Presidente,   in una    carica    ben    più    alta    della    sua,    abbia    avuto    in passato   la   sensibilità   di   corrispondere   alla   mia   richiesta di   intervento,   resto   dell’opinione   che   l’indifferenza   -   se vorrà   convenirne   con   me   -   oltre   ad   essere   sintomo   di connivenza   e   segno   di   complicità,   è   la   massima   violenza che   possa   farsi   contro   la   persona   umana   per   cui,   dal comportamento   che,   in   uno   con   quant’altri   sono   stati inutilmente   investiti   di   questa   vicenda,   lei   pare   aver   fin qui    condiviso,    non    resterebbe    che    evincere    come    la promessa   di   un   “Rinascimento   Morale   e   Culturale”   di questa   Italia   rimarrà   ancora   una   illusione   in   quanto, quale    ne    sia    l’esito,    anche    la    sua    “avventura”    di impegno politico, non sarà utile a realizzarla.  17 febbraio 2017                                           Giovannantonio Macchiarola P.S. Le   allego   il   testo   di   una   intervista   apparsa   il   14   settembre   2001   sul periodico “Protagonisti”.
    Per    quanto    ne    rimanessi    amareggiato,    il    giudizio personale,   anzi,   direi   emotivo,      nei   confronti   di   questo politico   deludente   è   stato   tale   da   continuare   a   seguirlo in     televisione     con     l’unico     scopo     di     cogliere     la contraddizione      tra      quello      che      affermava      e      il comportamento tenuto nei miei confronti.       Ricordo   il   caso   di   quella   ragazza   che   scrisse   al   ministro   per alcune    affermazioni    sui    giovani    che    «espatriano»    e    quel giornalista   di   LA7,   Paragone,   a   sbudellarsi   per   il   fatto   che   il ministro non si era «degnato» di rispondere! E ora? Cos’ha   da   rispondere   il   bonario,   bonaccione   Michelino   del mezzogiorno alla mia lettera? Perché non risponde? Dove sei Paragone? «Que farai, Pier da Morrone? Èi venuto al paragone»       Ecco,   mi   son   lasciato   prendere   la   mano   e,   forse   dovrei chiederne scusa ai miei sei lettori.       Mi   son   lasciato   prendere…   Ma,   sapete?   Ormai   scrivo direttamente   su   queste   pagine   e   poiché   mi   consola   la vostra   compagnia   e   il   vostro   interesse   a   questa   storia, mi   vien   da   vedervi   in   maniera   amichevole   e   forse   a volte    ne    approfitto    citando    Dante    o    Iacopone        o lasciandomi prendere dalla emotività del momento.       Ma   non   vorrei   perdervi   e,   chieste   le   scuse,   riprendo   il mio   racconto   con   la   Lettera   Aperta   inviata   al   sindaco del   mio   già   ingrato   Comune,      fresca   di   due   giorni   dopo quindici anni di martirio.                                   [sanseveropuntoit - 15 marzo 2017]
LETTERA APERTA a Michele Emiliano 3
indietro
CAPITOLO PRIMO Lettera Aperta a Emiliano 3/3