Eppure,   signor   sindaco,   ero   il   miglior   dipendente   del Comune   di   San   Severo,   riconosciuto   tale   dall’invidia dei   colleghi   e   da   plurimi   riconoscimenti   e   attestazioni   a livello   nazionale   e   locale,   capace   con   le   mie   iniziative   di far   ridondare   il   nome   della   città   di   San   Severo,   che   lei ha    reso    famosa    con    la    delinquenza    e    la    illegalità imperante,    per    motivi    ben    più    nobili,    encomiabili    e rappresentativi    tanto    che    sarebbe    un’attività    inutile elencarglieli.          Ma   il   motivo   per   cui   le   scrivo   è,   innanzi   tutto,   il digiuno    di    cui    ha    dato    notizia    la    stampa    e    dell’eco suscitata dal suo gesto.   Sindaco digiuna contro l’illegalità!   Clamoroso!             Ora    non    so    se    quattro    giorni    di    digiuno    -    se veramente   sono   stati   quattro   -      le   avranno   fatto   capire, signor   sindaco,   quanto   costi   e   cosa   comporti   il   digiuno, tanto   da   dover   avere   una   motivazione   ben   forte   per reggerne le conseguenze a livello sia fisico che mentale. Se,   dunque,   veramente   lei   ha   digiunato   per   quattro giorni,   sarà   in   grado   di   comprendere   cosa   significhi   e cosa     può     comportare     un     digiuno     di     48     giorni   ( quarantotto     giorni,     signor     sindaco !)     e     tanta     più comprensione    potrà    avere    nei    miei    confronti    che    a quel   digiuno   mi   son   sottoposto   proprio   per   protestare contro      l’illegalità      di      cui      ero      vittima      per      il comportamento    arbitrario,    delinquenziale    e    mafioso della Amministrazione del Comune di San Severo .
CAPITOLO PRIMO Lettera Aperta a Miglio 1/3
Capitolo Primo
UN SINDACO A DIGIUNO DI LEGALITA’
LETTERA APERTA a Francesco Miglio Sindaco del Comune di San Severo Egregio Signor Sindaco          Avevo   già   intenzione   di   scriverle   per   averla   citata   in due   lettere   trasmesse   al   suo   ex   assessore   alla   Legalità   e attuale     Presidente     della     Regione     Puglia,     Michele Emiliano,     sentendo     il     dovere     di     farlo     per     darle cognizione    del    loro    contenuto    e    delle    ragioni    della citazione.          Ma   lei   è   stato   più   veloce   di   quanto   sia   stato   io   a   decidermi a   farlo   (“perché   pensando   consumai   l’impresa”,   come   dice Dante)   raggiungendomi   attraverso   la   stampa,   la   televisione e   internet   con   il   suo   grido   che   invocava   “legalità”   a   San Severo,   amplificato   dalla   decisione   di   sfidare   un   digiuno   di quattro giorni per far da megafono alla sua invocazione! Sì    che    la    stampa    e    la    televisione    hanno    dato    spazio    e ridondanza    al    suo    appello    assicurando    la    loro    attenzione alla    delinquenziale    città    che    lei    amministra.    E    non    mi riferisco    agli    ultimi    episodi    riportati    dalla    stampa    bensì all’endemica     e     storica     vocazione     delinquenziale     della Amministrazione   che   lei   regge   come   sindaco   pro-tempore   e sacerdote    officiante    alla    perpetuazione    del    sopruso,    alla legalizzazione     dell’arbitrio     e     alla     santificazione     della illegalità .          Mi   riferisco   alla   sua   temerarietà   a   ergersi   a   favore delle     illegalità,     dei     soprusi     e     delle     prevaricazioni esercitate   contro   la   mia   persona   dalla   Amministrazione del   Comune   di   San   Severo,   facendosene   espressione   con il   contrasto   al   mio   diritto   risarcitorio   per   le   angherie,   i soprusi   e   i   reati   di   cui   sono   stato   vittima   a   far   tempo   dal 5   giugno   2001   e   fino   a   tutto   il   31   dicembre   2007   e   posti colpevolmente   in   atto   dall’Amministrazione   di   cui   lei   è   il rappresentante pro-tempore.
indietro
avanti