Non   so   se   lei   sia   in   grado   di   individuare   un filo   rosso   o   un   nesso   causale   tra   il   clima   di illegalità   che   denunciavo   allora   e   quello   che   lei denuncia    oggi,    signor    sindaco.    Certamente, però,   quello   di   oggi   ne   è   una   degenerazione,   è l’effetto   di   un   clima,   e   lei   comprenderà   bene che     i     diversi     modi     di     manifestarsi     della illegalità   non   serviranno,   se   meno   cruenti,   a graduarla    e    a    rendere    una    sua    particolare manifestazione     più     accettabile     di     un’altra; tutti     sono     ispirati     al     sopruso,     all’abuso, all’arbitrio,   a   sconvolgere   la   civile   convivenza e   l’ordine   sociale   e   morale   nonché   a   tenere   in dispregio   la   logica   e   il   buon   senso.   Inoltre,   la violenza,    le    illegalità    e    le    prevaricazioni    che l’amministrazione   del   Comune   di   San   Severo ha   esercitato,   sistematicamente   e   per   sei   anni e   mezzo,   sulla   mia   persona   con   l’intento   e   la finalità      di      procurare      a      un      proprio dipendente    un    danno    morale    e    psichico, oltre   che   professionale ,   è   ben   più   grave   del furto   o   della   rapina   occasionale   effettuata   da un   criminale   abituale,   in   quanto   prodotta   da un   Ente   che   trova   radice   e   ragion   d’essere   nel suo   attenersi   alle   norme   di   diritto   che   ne   sono premessa e fondamento.
CAPITOLO PRIMO Lettera Aperta a Miglio 2/3
Capitolo Primo
UN SINDACO A DIGIUNO DI LEGALITA’
LETTERA APERTA a Francesco Miglio 2          Digiuno   motivato   dalla   forte   determinazione   a denunciare    il    clima    di    illegalità    che    subivo, allora,   da   oltre   tre   anni   e   contro   il   quale   avevo protestato      fin      lì      inutilmente;      un      digiuno prolungatosi    per    quarantotto    giorni    sotto    gli occhi    indifferenti    di    amministratori,    dirigenti, dei    colleghi    e    della    intera    cittadinanza;    un digiuno    che    non    è    valso    a    smuovere    l’omertà della        Magistratura        e        l’indolenza        dei Carabinieri;   un   digiuno   per   rivendicare   i   miei diritti        oltraggiati,        per        denunciare        la persecuzione          e     il     calpestamento     delle     mie prerogative   di   pubblico   dipendente,   di   cittadino e   di   persona   da   parte   di   una   amministrazione malavitosa    capace    di    sovvertire    insieme    alle leggi   lo   stesso   senso   comune   e   le   più   elementari norme di civiltà .    Ricordo   che   l’unica   decisone   assunta   fu   quella di    togliere    le    sedie    dal    corridoio    in    modo    da impedirmi,    date    le    mie    condizioni    fisiche,    di potervi sostare! Come   pure   ricordo   una   riunione   sulla   “legalità” convocata   sul   Comune   le   cui   farisaiche   Autorità partecipanti       mi       sfilarono       davanti       senza vergognarsi della loro ipocrisia.
indietro
avanti