AVANTI
DIGIUNI E DINTORNI
Capitolo Secondo
Digiuni e dintorni 1          Dove   si   dà   atto   della   attenzione   suscitata   dal   digiuno   sindacal-sanseverese   e   si espone   una   disanima   del   fenomeno   come   interpretato   dalla   stampa   a   raffronto con lo sciopero della fame del 2002.          Dopo   aver   completato   e   spedito   la   mia   lettera   al   Sindaco del   Comune   di   San   Severo   mi   son   preso   la   briga   di   cercar notizie   di   questo   eroico   amministratore   capace   di   mettere   a repentaglio   la   propria   salute,   e   forse   la   propria   vita,   per rivendicare ordine e legalità per una città morente. E   allora,   stampa,   televisione,   internet   e   compagnia   bella   si lanciano ghiotti sulla notizia!             Certo    che    fa    notizia    un    amministratore    locale    se rivendica il diritto alla legalità! Infatti   mica   fanno   notizia   amministratori   che   lo   calpestano questo diritto.             E   Miglio   si   trova   proprio   nella   condizione   «di   fare   e   di non    fare    notizia    nello    stesso    tempo»    e    nel    doppio    ruolo teatrale del personaggio di Molière.             Fa    notizia    perché    questo    non    è    un    amministratore normale.         Lui    è    a    favore    della    legalità    e    questa    è    una    cosa straordinaria,     incredibile,     anzi,     eccezionale,     del     tutto inusuale     tra     i     politici.     Un     miracolo!     e     merita     tanta attenzione   perché,   questo   politico,   oltre   alla   faccia,   ci   ha messo, questa volta, anche la trippa.          Non   sono   andato   oltre   quattro   o   cinque   giornali,   bastanti, comunque, a fornire materia per questo capitolo.          Nell’articolo   di   Repubblica.it,   redazione   di   Bari,   del   23 febbraio   2017   è   riportata   l’affermazione:   « Non   mangerò finché   non   sarà   fermata   questa   escalation   criminale » e    dalla    lettura    dell’articolo,    preceduto    dalla    sua    foto sovrappeso,    apprendo    che,    dopo    lo    sfogo    su    facebook    è pervenuto    a    questa    decisione    irremovibile ”    finché,    il governo,     virgolettato,     non     avrà     assicurato     livelli     di vivibilità   che   ogni   cittadino   italiano   deve   avere ”   e   che   e   stato costretto     pertanto     a     intraprendere     iniziative     forti     ed eclatanti ” contro “ criminalità dilagante e legalità negata ”.
         Certamente   il   mio   livello   di   vivibilità   quale   cittadino   e dipendente   comunale   -   costretto   a   sostare   nel   corridoio del     comune     mentre,     nella     indifferenza     totale     degli amministratori,    ero    in    sciopero    della    fame    da    giorni    - potrebbe   sembrare   difficile   che   il   sindaco   Miglio   possa avere   il   coraggio   di   considerarlo   come   annoverabile   tra   i livelli vivibili.          Come   pure   potrebbe   essergli   difficile   distinguere   tra   la criminalità   dilagante   di   ora   e   il   brigantesco   agguato   di cui   sono   stato   fatto   oggetto   e   vittima   in   esecuzione   del complotto     ordito     dalla     associazione     a     delinquere, composta da amministratori e funzionari del Comune. sanseveropuntoit -14 marzo 2017
CAPITOLO SECONDO Digiuni e dintorni.1