Capitolo Terzo DIGIUNI E DINTORNI - parte seconda  
CAPITOLO TERZO Digiuni e dintorni 2. Escursus 1
  Digiuni e dintorni 2. Escursus1   sanseveropuntoit -21 marzo 2017 Aberrante! Oggi ho sentito Minzolini alla radio paragonarsi a Sacco e Vanzetti!    Preludio   della   fine   se   si   arriva   a   simili   aberrazioni   da   parte   di   un   condannato   in   Cassazione   all’interdizione   dai   pubblici   uffici e, quindi, dal diritto di voto ma che conserva, tuttavia, il diritto, come senatore «eletto», di votare le Leggi! E nessuno lo dice.    
Ma, come dice il Poeta… non ragioniam di lor ma guarda e passa            Dopo   il   rientro   in   servizio   a   marzo   del   2002,   a   ferragosto   dello   stesso   anno,   dopo   ben   5   mesi,   mi   trovavo   ancora   nel corridoio.          Dopo   il   ribadito   trasferimento,   mai   eseguito,   al   Comando   vigili   urbani;   il   trasferimento,   impugnato,   disposto   presso   i servizi   sociali   con   tre   determinazioni   dirigenziali   di   cui   mi   ero   preso   beffe   alla   grande;   il   concorso   interno   nel   quale   ero stato   «compresso»   al   quarto   posto   per   poi   essere   escluso   dalla   graduatoria…,   non   avendo   le   mie   proteste   sortito   effetto contro   le   palesi   e   patenti   illegalità   denunciate   senza   esito,   mi   sono   sentito   di   alzare   il   livello   della   mia   protesta   dopo   il ferragosto del 2002.  
    sanseveropuntoit -21 marzo 2017 A   ulteriore   riprova   del   clima   persecutorio   nei   miei   confronti   e   delle   intimidazioni   nei   confronti   dei   colleghi   che osavano   avvicinarmi,   la   mia   condizione   è   illustrata   da   una   lettera   del   28   agosto   2002   dalla   quale   si   può   evincere   il degrado   della   Amministrazione   del   Comune   di   San   Severo   che   non   ha   mai   dato   risposta   alle   mie   documentate accuse e mai ha risposto ad alcuna delle mie lettere di denuncia e di protessta.
      Confesso   sinceramente   di   non   ricordare   se   sia   stato   Mastroiorio   a   carpire   l’inizio   del   mio   sciopero   della   fame,   o   se   sia   stato   io   a   sollecitare la   pubblicazione   della   notizia.   Credo   che   se   fossi   stato   io,   mi   ricorderei   del   giorno   d’inizio   che,   a   posteriori,   dato   dal   mio   rientro   in   servizio, il 17 o il 18 di agosto.            In   tal   caso   devo   riconoscere   di   aver   comunicato   fin’ora   un   dato   falso:   non   48   giorni   ma   quarantaquattro   giorni,   come   i   gatti.   Dovrò   chiedere   scusa al   sindaco   del   comune   di   san   severo   se   mi   risponde.   Che   non   l’abbia   fatto   è   il   suo   modo   di   prendere   atto   delle   mie   accuse,   esattamente   nella   medesima linea degli amministratori «fascisti» (direbbe Lannes) che non hanno mai risposto, nemmeno alla Giustizia, delle loro azioni e del loro silenzio.    Comunque, il 1 settembre 2002 usciva IL CAMPANILE con questo articolo.