UN SINDACO A DIGIUNO DI LEGALITA’          Dove   si   accenna   a   qualche   perplessità   sul   percorso   obbligato;   al   vezzo   delle   citazioni   dantesche; al   divorzio   sentimentale   dalla   città,   una   volta   amata;   all’orgoglio   di   darle   lustro   nella   sua   funzione di   dipendente   pubblico   e   dove   si   racconta   delle   due   Lettere   Aperte   inviate   a   Michele   Emiliano insieme   a   un’intervista   del   2001,   della   lettera   al   sindaco   di   San   Severo,   e   allo   sciopero   della   fame contro l’illegalità.            Non   so   se   i   miei   sei   lettori,   o   quelli   che   ne   son   rimasti,   approvino   o   meno il    percorso    obbligato    a    cui    li    ho    costretti    per    arrivare    fin    qui.    Ho affrontato   varie   traversie   nei   giorni   scorsi   nel   mettere   su   questo   sito, imparare   a   farlo,   affrontare   il   problema   di   come   dirlo,   come   presentarlo. Un   percorso   obbligato   e   ad   ostacoli   e   non   privo   di   difficoltà   per   uno sprovveduto.          Nel   frattempo,   ho   ritenuto   che   fosse   opportuno   creare   un   percorso   che inducesse   il   lettore   alla   lettura   di   buona   parte   dei   testi   per   procedere oltre.       Consentitemi   il   vezzo,   quindi,   di   far   citazioni   di   Dante   per   indicare questo   cammin   di   nostra   vita   che   vengo,   per   quanto   mi   sia   penoso,   a sciorinare sotto i vostri occhi. Ahi, quanto a dir qual’era è cosa dura!         Che    San    Severo    sia    diventata    oggi    per    me    “la    città    dolente”    è constatazione   amara   che   mi   punge   due   volte   il   cuore   in   quanto   io   ho amato   questa   città,   le   sue   strade,   le   sue   case   e   le   ho   vissute   nel   loro trasformarsi   nel   tempo;   l’ho   sognata   quando   ne   ero   lontano   e   me   ne   sono sentito   alfiere   tanto   da   far   cosa   bella   cosa   a   renderle   onore   con   la   mia attività di impiegato pubblico e con il mio essere a servizio dei cittadini.         Quante    volte    sono    andato    a    riunioni    tra    sindaci    in    altri    comuni presentandomi   a   nome   de   sindaco,   o   in   rappresentanza   del   segretario generale in Prefettura a rappresentare l’Amministrazione!          E   che   bello   leggere   sui   giornali   d’essere   stato   il   primo   comune   al   mondo a    trasmettere    su    internet    due    opere    liriche    in    diretta    streaming    nel lontano     1998!     E     per     la     prima     volta     a     pubblicare     due     CD-Rom multimediali con due opere liriche!     Che entusiasmo in quei giorni!          E   che   orgoglio   che   l’Ufficio   Relazioni   con   il   pubblico,   di   cui   ero   unico operatore   e   Responsabile,   fosse   annoverato   tra   i   migliori   100   uffici   di tutta   la   pubblica   amministrazione   italiana   da   additare   quale   esempio   in termini    di    iniziative,    attività    ed    efficacia!    E    che    fosse    approvato    e finanziato    con    450    MILIONI    il    mio    progetto    di    creazione    di    un collegamento    di    banche    dati    tra    altre    sedici    amministrazioni    con    San Severo a capo fila…       Ma   perché   annoiare   i   miei   sparuti   lettori   con   ricordi   che   è   dolor   per   me rammemorare? Nessun   maggior   dolore/   che   ricordarsi   del   tempo   felice/   nella   miseria… dice il Poeta.
   E poi?     Una    qualche    mostruosità    intergalattica    ha    contaminato    una    intera amministrazione    e    un’intera    comunità,    per    poi    comprendere,    via    via, come    di    questo    “complotto”    fossero    partecipi    le    forze    dell’ordine,    la magistratura, la stampa…    Un incubo impossibile! Fantascientifico!    Impossibile a dirsi!    E due volte a vedersi!  (aggiungerebbe un altro)          Comunque   quando   nel   mese   di   gennaio   avevo   inviato   la   Lettera Aperta     ai   diversi   giornali,   prima   di   mettermi   a   lavorare   sul   mio   nuovo   sito,   ero incappato,   nella   ricerca   di   indirizzi,   nella   notizia   che   Michele   Emiliano era stato assessore alla legalità del Comune di San Severo.          La   notizia   mi   fornì   il   destro   e   l’occasione   per   scrivergli   e,   avendo   una certa    considerazione    della    persona    e    della    sua,    direi,    anima    populista ( aveva   reso   pubblico   il   suo   numero   di   cellulare) ,   in   data   27   gennaio    gli   ho inviato   una   lettera   tramite   posta   certificata,   con   l’intima   convinzione   che avrebbe meritato la sua attenzione e certamente un riscontro.          L’aspettativa   delusa   risultò   tanto   acerba   da   pensare   che   non   l’avesse letta,   o   che   non   avessi   suscitato   la   sua   attenzione   a   causa   di   una   lettura superficiale o distratta.    Gliene ho scritta un’altra. In data 17 febbraio .       Questa   volta   Aperta,   come   avrei   considerato,   gli   comunicavo,   anche   la precedente.    Anche in questo caso indifferenza e silenzio.          Meno   male   che   l’ho   sentito   dichiarare   che   lui   è   dalla   parte   degli   ultimi, dei dimenticati!   Mi dovevano uccidere per meritare la sua attenzione?       Ma   ecco   che,   mentre   ero   alle   prime   prese   nel   darmi   voce   attraverso questo   sito,   ai   primi   di   marzo   vengo   a   sapere   che   i l   Sindaco   di   San   Severo ha   annunciato   un   digiuno   per   richiamare   l’attenzione   delle   Istituzioni   sul clima di illegalità vigente in città .       L’indignazione   per   quella   notizia   fu   assorbita   solo   dai   tanti   problemi   che avevo   nel   frattempo   con   il   programma   di   gestione   di   queste   pagine   e   la risposta   fu   rinviata.   D’altronde   pensavo   di   scrivergli   già   prima   di   sapere del   digiuno,   per   avere   occasione   di   portare   a   sua   conoscenza   le   due   lettere inviate a Emiliano. Ma    quella    del    digiuno    era    notizia    troppo    allettante    per    lasciarmela sfuggire in quanto mi forniva l’opportunità di un affondo mortale.  Così è nata la LETTERA APERTA  al sindaco del Comune di San Severo.                             [sanseveropuntoit - 14 marzo 2017]
Capitolo Primo
UN SINDACO A DIGIUNO DI LEGALITA’