LETTERA APERTA al sig Fernando Caposiena .assessore al personale  del Comune di San Severo
Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla  (Luca, 12, 4)
  Egregio assessore,          a   margine   della   manifestazione   politica   con   la   quale   il   Suo   partito   ha   voluto   presentare   il   programma elettorale   per   le   prossime   elezioni   amministrative   2004,   sento   il   dovere   di   manifestare   più   compiutamente   il senso   e   il   contenuto   del   mio      pensiero   ad   elogio   delle   Sue   qualità   politiche   e   le   ragioni   che   mi   inducono   ad esprimereLe   la   mia   gratitudine   per   le   azioni   da   Lei   poste   in   essere   a   mio   danno;    concetti   espressi   quale dipendente    del    Comune    con    l’ultima    mansione    rivestita    di    Responsabile    dell’Ufficio    Relazioni    con    il pubblico,   che,   però,   la   tirannia   del   tempo   e   l’intolleranza   del   Suo   Segretario   Comunale   non   mi   hanno consentito,   nella   occasione   citata,   di   esporre   in   tutta   la   loro   pienezza   e   compiutezza,   come   Lei,   invece,   ben merita.     
         Devo,   pertanto,   attribuire   al   Suo   novello   Segretario   Comunale l’enfasi   di   addossare   al   partito   dei   Cattolici   Liberali   tutto   quanto è    stato    fatto    dalla    uscente    amministrazione    di    Centro    Destra, (salvo,    poi,    far    venire    il    dubbio,    per    esempio    a    Proposito    del Piano    Urbano    del    Traffico,    se    il    vigile    di    servizio    in    Piazza Municipio   stia   lì   a   fare   il   guardia   macchine)   e   di   vantarsi   persino di quello che non c’è e che non esiste.            A   Lei   va,   invece,   riconosciuto   il   pregio   inverso, ovvero   l’umiltà,   la   riservatezza   e,   nel   caso   specifico, l’accortezza    di    aver    taciuto    nel    suo    programma elettorale   su   ben   più   importanti   iniziative   di   questa amministrazione,   quali   -   ma   sempre   e   solo   a   titolo esemplificativo   -:   la   privatizzazione   della   Nettezza
Urbana,    con    gli    spropositati    costi    addossati    alle
casse   comunali   che   hanno   fatto   triplicare   l’onere   a
carico   dei   cittadini;      la   informatizzazione   degli   uffici
comunali,     con     uno     spreco     non     corrispondente
all’utile     e     risultati     di     nessuna     efficienza,     volto
soltanto   a   distruggere   quel   poco   che   c’era   e   al   quale
io    stesso    ho    contribuito    col    mio    lavoro;        o    la
realizzazione della sporco affare della fogna bianca.          Gli   unici   errori   da   Lei   commessi,   ma   anche   questi sono     solo     esempi,     di     cui     nessuno,     nemmeno l’opposizione,   ardisce   incolparLa,   sono   la   dotazione organica   e   la   chiusura   dell’Ufficio   Relazioni   con   il pubblico.          Per   la   prima   questione   occorre   imputarLe   di   aver messo   sù   un   pastrocchio   che,   se   fosse   stato   attuato così   come   lei   l’ha   arzigogolato,   bloccherebbe   ogni attività    amministrativa    e    renderebbe    impossibile gestire ciascuno dei servizi comunali.                       Ma,   poiché   la   “Sua”   dotazione   organica   esiste soltanto    sulla    carta    ed    è    solo    servita    a    meglio sistemare,   nel   bene   e   nel   male,   qualche   dipendente, passo     direttamente     alla     questione     che     più     mi riguarda   e   che   Lei   a   voluto   perpetuare   con   i   suoi
veti   insormontabili   e   indefettibili   da   ormai   quasi   tre
anni,   costringendo,   caposienicamente,   all’omertà
e   al   silenzio   anche   i   più   riottosi   tra   i   suoi   colleghi
di   Giunta,   per   quanto   questi,   o   almeno   alcuni   di
questi,   sindaco   compreso,   restino   convinti   della
utilità    ed    efficacia    dell’Ufficio    Relazioni    con    il
pubblico         e         riconoscano         l’abnegazione,
l’efficienza,   nonché   le   mie   capacità   personali   e   il
merito      della      attività      resa      a      favore      della
cittadinanza.          E   che   lei   abbia   fatto   azione   di   ricatto sulla      questione      che      mi      riguarda,      lo testimonia     l’illuminato     esponente     della maggioranza   che   ha   dichiarato   che   non   si
può   rompere   l’amministrazione   per   il   “caso
Macchiarola”,       ovvero       per       un       solo dipendente . (…continua)    
         Non   starò   a   ripetere   l’ancestrale   ricordo   che   ho   di   Lei, quando,   nel   1991,   oscuro   consigliere   comunale,   veniva   a farmi   inusitate   visite   presso   l’Ufficio   esenzione   Tiket   per apprezzare   e   plaudire   alla   proficua   attività   che   vi   svolgevo in    qualità    di    responsabile,    accompagnandosi    a    un    suo amico   e   collega   di   cui   non   ricordo   il   nome,   a   differenza   del suo   che,   alla   pari   di   quello   di   Erostrato,   non   avrò,   invece, modo   di   dimenticare.   Né   starò   a   ricordarle   come   abbia avuto,    successivamente,    modo    di    approfondire    la    Sua conoscenza,      all’epoca      della      prima      amministrazione Giuliani,     nelle     vesti     di     mentore     occulto     dell’allora assessore   d’Alessandro   di   cui   ha,   poi,   stabilito   la   morte politica,    ovvero    il    defenestramento.    Di    Lei    conservo, inoltre,   altri   ricordi   confusi,   come,   ad   esempio,   quando   La descrivevo   entusiasta   promotore   e   sostenitore   dell’Ufficio Relazioni   con   il   pubblico   riconoscendoLe   meriti   che,   per quanto    non    Le    competessero,        ritenevo        allora    utile attribuirLe    per    assicurare    copertura    e    continuità    alla azione     che     andavo     svolgendo     a     favore     della     utenza cittadina.                Per     questo     motivo,     nonostante     la     evidente mancanza   di   una   Sua   qualsiasi   particolare   abilità   e pur   avendo   avuto   consapevolezza   di   una   cultura   e una      intelligenza      che      non      andavano      oltre      la mediocrità,   mi   sono   spinto,   in   qualche   occasione,   a riconoscerLe   capacità   e   attitudini   politiche   maggiori di   quanto   potessero   asserLe   attribuite.   Ma,   come   si   è reso   evidente,   Lei   ha   preso   sul   serio   quell’elogio   ed ha superato qualsiasi aspettativa nel frattempo.            Lei   è,   infatti,   pervenuto   a   risultati   ben   oltre   la   Sua forza     elettorale,     riuscendo     a     irretire,     gestire     e
conculcare   ciascuno   degli   assessori   e,   nell’insieme,
l’attività   dell’intera   Giunta   comunale   e   dello   stesso
Giuliani,    condizionando    quest’ultimo    -con    arti    e
capacità    che    mi    sfuggono-    a    venir    meno    al    ruolo ricevuto   direttamente   dagli   elettori ,   ai   quali   ha   fatto ormai   dimenticare   quel   poco   di   buono   compiuto   nel corso   del   suo   primo   mandato,   nonché   costringendolo
a    smentire    se    stesso    anche    a    fronte    di    solenni impegni,    assunti    i n    mia    presenza    e    al    cospetto dell’intera   Giunta    riunita   in   seduta   plenaria,    per   la soluzione    del    problema    ormai    conosciuto    come    il “caso Macchiarola”.    A   ciò   è   da   aggiungere   che   il   Suo   potere   si   è   esteso   a tutto   il   momento   gestionale,   nonché   ai   singoli   atti amministrativi   e   ai   singoli   uffici,   anche   attraverso l’ assoluto      controllo      di      nomine      e      decadenze
dirigenziali,   con   un   arbitrio   che   non   trova   riscontro
in     nessuna     amministrazione     che     possa     definirsi
improntata       alla       correttezza,       alla       legittimità
democratica o alla sola trasparenza.          Eppure,   in   tutte   queste   intraprese   Lei   non   è   mai apparso,   non   si   è   mai   messo   in   mostra,   ma   è   sempre rimasto   dietro   le   quinte,   ha   sempre   agito   in   maniera occulta,   nascosta.   Mentre   altri   assessori   non   fanno che    scrivere    il    proprio    nome    sotto    i    manifesti accanto    a    quello    del    sindaco,    Lei    ha    sempre    e soltanto    badato    al    “sodo”,    rappresentato    un    altro stile:    mai    apparire,    mai    vantarsi.    Lei    dissimula, nasconde, alza sempre le mani!    
San Severo, 18 marzo 2004
Capitolo Quarto Il silenzio è mafia (5)