LETTERA APERTA al sig Fernando Caposiena .assessore al personale  del Comune di San Severo
Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla  (Luca, 12, 4)
San Severo, 18 marzo 2004
(…continua)              Tralascio   anche,   per   il   momento,   di   rilevare   la   Sua   continua   e illegittima   ingerenza   sul   “momento   gestionale”   ,   di   volta   in   volta sobillata    a    mio    danno    (come,    solo    per    esempio,    le    lettere    di illegittimo   trasferimento   da   Lei   controfirmate   o   le   risultanze   del concorso    interno),    in    quanto    questa    lettera    aperta    è    scritta soltanto per  ringraziarla. Innanzi    tutto    per    la    Sua    magnanimità ,    la    Sua    grandezza d’animo;   poi   per   il   bene   che   mi   ha   reso   al   di   là   delle   malevole   e indegne persecuzioni di cui sono stato fatto bersaglio.       Per   quanto   riguarda   la   Sua   magnanimità,   questa   risulta   più   che eloquente   dal   fatto   che,   quando   ho   avuto   modo,   nelle   plurime denunce       presentate,       di       individuarLa,       ufficialmente       e chiaramente,   quale   istigatore   degli   “atti   a   delinquere”   contro   la mia       persona       e       quale       mentore       occulto       di       questa
amministrazione,     nonché     come     la     mente     diabolica     che     ha conculcato   la   dirigenza   obbligandola   ad   angariare   lo   scrivente ”, Lei   si   sia   limitato   a   dichiarare   “mefistofelicamente”   il   desiderio di   avermi   vicino   a   sé   quale   proprio   segretario   particolare.   Ma,   di più   risulta   dal   fatto   che   quando,   nello   scorso   mese   di   ottobre 2003,   ho   avuto   modo   di   parallelarLa,   nel   corso   di   una   assemblea sindacale     aziendale     e,     successivamente,     nel     corso     di     una manifestazione   politica   cittadina,   ad   una   vera   e   propria   “piovra” di   stampo   mafioso   per      la   capacità   di   governare   tutti   i   rami assessorili   e   tutti   i   Settori   dirigenziali,   definendo   la   Sua   attività come   un   vero   e   proprio   cancro   che   sta   divorando   il   Comune   di San    Severo ,    Lei    non    abbia    seguito    il    naturale    impulso    di assumere    alcuna    iniziativa,    nemmeno    disciplinare,    nei    miei confronti.           Per    quanto    riguarda,    invece,    la    mia    gratitudine,    occorre spendere qualche parola in più.                Devo     ammettere,     infatti,     che     gli     ampi     ed     eclatanti
riconoscimenti     che     pervenivano     al     Comune     e     all’Ufficio
Relazioni    con    il    pubblico    –    di    cui    ero    unico    operatore    e
responsabile      -      dai      cittadini,      dalla      stampa      locale,      dal
Dipartimento   della   Funzione   Pubblica   e   dalla   stampa   nazionale, nonché   le   attestazioni   ricevute   dai   consolati   italiani   all’estero,   mi avevano,   in   un   qualche   modo,   devo   ammetterlo,   fatto   montare   la testa   e   fornito   occasione   di   orgoglio,   alimentando   in   tal   modo   la mia   passione   per   il   servizio   di   cui   ero   responsabile   e   per   l’attività che   svolgevo   a   favore   della   cittadinanza,   con   la   conseguenza   che ero    giunto    a    trascurare    ogni    altro    mio    interesse    personale, compresi quelli familiari.. E’   stata,   quindi,   salutare   l’azione   da   Lei   promossa   contro   un ufficio     e     un     servizio     al     quale     mi     ero     troppo     affezionato considerandolo   come   il   mio   “negozio”   aperto   ad   ogni   ora   alla cittadinanza,        ravvedendovi    uno    strumento    per    migliorare    il
rapporto   tra   il   Comune   e   la   propria   utenza   e   una   occasione   per
rendere    effettiva    quella    che    allora    definivo    la    “rivoluzione
copernicana”   in   cui   il   cittadino   era   visto   come   un   protagonista   al
centro    dell’attività    dell’Ente    Locale,    così    come    disposto    dalla
normativa vigente.          Facendo   chiudere   l’ufficio   Relazioni   con   il   pubblico   per   poi, addirittura,    abrogarlo    dalla    dotazione    organica,    Lei    mi    ha      impedito    di    perseverare    in    un    errore,    ha    mortificato    il    mio orgoglio   e   mi   ha   fatto   comprendere   che   stavo   su   una   cattiva strada.   Quello   che   Lei   ha   considerato   un   modo   per   ferirmi   e ledere    la    mia    persona    e    la    mia    professionalità,    è    servito,    in conclusione,   ad   aprirmi   gli   occhi   e   a   liberarmi   di   alcune   illusioni che mi ero creato. -   Lei   mi   ha   insegnato   che   non   bisogna   inorgoglirsi   del   proprio lavoro    di    pubblico    dipendente,    che    non    serve    l’abnegazione, l’efficienza,   che   non   esiste   alcun   merito   di   cui   si   debba   essere ricompensati;   
      -   Lei   mi   ha   insegnato   che   un   pubblico   dipendente   non   deve avere   a   cuore   l’utente,   non   deve   mirare   all’efficienza,   al   servizio per gli altri, ma solo prendersi lo stipendio;    -   Lei   mi   ha   insegnato   che   non   bisogna   credere   al   lavoro   che   si svolge,   che   il   cittadino,   la   gente,   non   ha   bisogno   e   non   merita   di avere servizi efficienti;     -    Lei    mi    ha    insegnato    che    non    bisogna    credere    di    poter contribuire   a   cambiare   l’amministrazione   dall’interno.   (Basti   a questo   proposito   riferirsi   all’ informatizzazione   della   segreteria
che   tanto   lavoro   mi   è   costato   per   essere,   a   suon   di   quattrini, smantellato );    -   Lei   mi   ha   insegnato   che   non   bisogna   attendersi   gratitudine dalle   persone   per   le   quali   si   è   lavorato,   né   la   solidarietà   dei colleghi, né quella del sindacato;    -   Lei   mi   ha   insegnato   che   non   esiste   una   stampa   libera   a   San Severo,    che    non    vale    la    pena    di    credere    in    niente,    che    non bisogna riporre alcuna fiducia nella gente;    -   Lei   mi   ha   fatto   capire   che   non   si   può   confidare   sui   principi
morali   di   chi,   con   la   propria   omertà   e   la   propria   indifferenza,   si
è   fatto   Suo   connivente,   né   sulla   resipiscenza   dei   “volenterosi carnefici” che si sono prestati alla bisogna ;     -    Lei    mi    ha    fatto    comprendere    che    non    esiste    opposizione politica che non possa essere comprata ;    -   Lei   mi   ha   fatto   comprendere   che   non   si   può   cambiare   il mondo   e,   tanto   meno,   questo   Comune   che,   assurto   a   Città,   si   è
involuto,   come   ho   più   volte   scritto,   in   una   “repubblica   delle
Bananas”        e    assomiglia    sempre    di    più    ad    una    contrada    di briganti .          Come   potrei,   d’altronde,   darLe   atto,   altrimenti   che   con   questa lettera,   del   fatto   che,   “grazie”   alla   Sua   avversione   e   ai   Suoi   veti,
da   tre   anni   non   svolgo,   tra   l’altro,   alcuna   attività   lavorativa   pur continuando a riscuotere lo stipendio ?    Tutto   questo   mi   ha   indotto,   anche   se   è   stato   molto   difficile accettarne   l’evidenza   -   dopo   oltre   centoventi   lettere   di   protesta, dodici   denunce   penali,   i   digiuni   portati   avanti   per   sensibilizzare una   amministrazione   di   dementi ,   denunce   alla   Corte   dei   Conti, al    presidente    Ciampi,    dopo    essermi    abbattuto    ed    essermene disperato    -    a    comprendere    che    Lei    è    servito    o    almeno    (mi consenta   di   attribuirle   i   meriti   che   Le   spettano!),   ha   contribuito a    liberarmi    da    tutte    le    illusioni    che    mi    ero    fatto    tanto    che, arreso,   sono   tornato   a   dedicarmi   ai   miei   interessi   culturali   nei quali,    per    essermi    più    congeniali,    ho    trovato    ristoro    come Boezio:    la    storia,    la    letteratura,    la    filosofia,    che    mi    hanno aiutato   a   sopportare   la   miseria,   lo   squallore   e   la   disumanità della gente.          Come   ebbe   a   dire   a   suo   tempo   il   Suo   Segretario   Comunale? Abbiamo     distrutto     Cologno,     ora     dobbiamo     schiacciare Macchiarola ”.   Ma   Lei   non   può   ormai   più   ferirmi,   perché   io   Le sto porgendo l’altra guancia.                L’unico    male    che    Lei    potrebbe    ancora    farmi sarebbe      quello      di      “insegnarmi”,      o      farmi comprendere,       che       è       mal       riposto       anche
l’attaccamento   e   l’affetto   profondo   che,   per   quanto non vi abbia avuto i natali, nutro per questa città .       Le   basterebbe   candidarsi   come   Sindaco   e   farsi eleggere    (e    Lei,    con    le    Sue    qualità,    ne    sarebbe addirittura capace!).       In   tal   caso   non   mi   resterebbe   che   andare   in   esilio   o chiedere asilo politico in un’altra contrada!       Giovannantonio Macchiarola  
Capitolo Quarto Il silenzio è mafia (6)