Venni in possesso di copia della lettera di questo causidico assessore a metà aprile del 2004.       Signori   miei,   dopo   tre   anni   di   corridoio,   mi   trovavo   ancora   una   volta   davanti   un   mestatore   che,   a   fronte   delle   mie osservazioni, chiedeva di risolvere il problema che il suo mammasantissima impediva. Io   non   c’entro,   ne   sono   fuori!   Ed   erano   proprio   loro   i   malfattori,   capaci   di   eludere   e   ignorare   le   mie   accuse   per crearsi un alibi futuro.       Capisco,   miei   cari   sei   lettori,   che   entrare   in   questo   gioco   vi   sembri   difficile,   ingarbugliato,   complesso.   Per   questo mi   esimo   dal   darvi   conto   adesso   della   mia   risposta   a   quella   ipocrisia,   il   mestiere   più   consono   ai   mestatori   che   si nascondono   dietro   «perentorie»   affermazioni:   «in   caso   di   denegato   accoglimento   della   presente,   lo   scrivente   sarà costretto   ad   adottare   tutte   quelle   misure   volte   a   tutelare   il   proprio   decoro   e   quello   della   Pubblica Amministrazione», ecco cosa ha scritto l’imbecille causidico, scrivano del mammasantissima silenzioso! In caso di «denegato» accoglimento! Di cosa? Vediamo   cosa   testualmente   dice:   «…   si   richiede   ai   competenti   organi   di   far   pervenire   una   relazione   circostanziata scritta afferente la problematica del dipendente Macchiarola Giovannantonio». E chi erano questi organi? Il    « Preg.mo    SINDACO    Giuliano    Giuliani »,    l’irriconoscente    e    prono    traditore,    il    « Preg.mo    DIRETTORE GENERALE   Dott.   Luigi   Cologno »,   ineffabile   e   codardo   testimone   del   supplizio   infertomi   per   averlo   difeso;   i   sempre     pregiatissimi      «DIRIGENTI Arch.   Pasquale   Mininno »,   quello   della   truffa   della   fogna   bianca   insieme   al   SINDACO; il    « Dott.Alessandro    Vaccarella »;    l’« Arch.    Pietro    Zaccaro »,    l’amico    indifferente    spettatore;    la    « D.ssa    Silvana Belmonte »,   quella   che   avevo   io   suggerito   a   quel   ruolo,      e   ora,   per   conservarlo,   sottomessa   e   a   disposizione   del mammasantissima   assessore;   il   « Dott.   Livio   Caiozzi »,   l’avventizio   fuori   luogo,   scelto   in   mancanza   di   uno   migliore. Infine,   l’« Avv.   Mario   Carlino »,   il   venduto   e   squallido   furfante   scoperto   con   le   mani   nella   marmellata   e   «transfugo» in   corso,   nonché,   dulcis   in   fundo,   il   bieco   esecutore,   « Dott.   Ciro   Sacco »,   quello   del   «sotto   il   vestito,   niente»   per capirci! PARDON! Dimenticavo i «Preg.mi ASSESSORI», effimeri e  servi utili dell’assessore!  Praticamente la «cosca» al completo, l’organizzazione a delinquere mafiosa tutta nella intestazione di una lettera capziosa.   Risposi a quella lettera ma non ve la riporto, miei cari sei lettori (avevo scritto amici, per errore). Questo   per   evitare   di   confondervi   in   quanto   la   mia   lettera,   per   smentire   il   causidico   e   sventarne   l’ipocrisia,   fa riferimento   a   tutta   una   serie   di   avvenimenti,   atti   e   lettere   precedenti   che,   inseriti   in   questo   capitolo,   vi   porterebbero fuori   rotta   e   fuori   da   questo   momento   del   racconto   tanto   che,   per   tutti   i   riferimenti   connessi,   ci   sarebbe   da   perdere la bussola. Ed io insieme a voi. Ne   avrete,   in   ogni   caso,   ragione   e   consapevolezza,   miei   cari   sei   lettori,   nel   prosieguo   di   questo   racconto   in   modo   da intendere    appieno    il    senso    della    mia    risposta    e    della    «mentita    per    la    gola»    data    a    questo    improvvisato amministratore.    Non   mi   esenterò,   invece,   dal   farvene   un   cenno,   limitandomi,   per   chiudere   al   più   presto   questo   capitolo,   all’aspetto più ironico a cui quella lettera del Riccioni, per gli indirizzi in epigrafe,  dava spunto.    Vi   citavo,   per   l’appunto,   una   novella   del   Boccaccio,   che   vi   inviterei   a   rileggere   per   cogliere   appieno   il   senso   della mia   citazione   con   riferimento   al   fatto   che   per   quanto   fosse   chiaro   il   contenuto,   il   senso   e   le   accuse   della   mia   lettera, il   Riccioni   faceva   finta   di   non   averle   lette   per   «non   ricavarne   vergogna»   ma   che,   per   non   sembrare   uno   sprovveduto e, tuttavia, per non scoprirsi, si limitava a rivolgersi a “tutti” eccetto che a chi ne era l’autore. La citazione, nella mia lettera, era questa:
«Devo,   innanzitutto,   ancora   una   volta   darLe   atto   della   Sua   magnanimità   e   della   ampiezza   di   vedute   da   cui   Lei
continua   ad   essere   animato,   alla   pari   del   “savio Agilulf   re   de’   Longobardi”   (come   rappresentato   dal   Boccaccio   nella
novella   seconda   della   terza   giornata)      che,   pur   “avendo   l’animo   già   pieno   d’ira   e   di   mal   talento”,   preferì   tacere   per
evitare    la    vergogna    che    avrebbe    avuto    se    avesse    parlato,    limitandosi    solo    all’uso    di    “un    paio    di    forficette”
(praticamente   l’assessore   Riccioni)   e   che,   “disposto   a   non   volere   per   piccola   vendetta   acquistar   gran   vergogna”,   per
non   scoprirsi   si   limitò   a   rivolgersi   a   “tutti”   (praticamente   Sindaco,   dirigenti   e   assessori,   Sacco   e   Carlino   compresi)
per dir che se l’avevano fatto “non lo facessero mai più”».     Continuavo poi su quello che era taciuto…          Ma   più   che   la   mia   citazione,   valga   Boccaccio   e   la   «Letteratura»   per   cui,   se   volete,   potete   «di-vertire»   la   vostra mente   con   questa   novelletta   medievale   utile   a   descrivere   il   silenzio   di   un   assessore,   a   suo   tempo,   e   quello   di   un sindaco attuale. Io, nel frattempo, mi dedico a limare la mia «ultima» lettera al digiunatore e sindaco del Comune da quarto mondo.            E’   stato   proprio   Boccaccio   con   il   suo   racconto,   riesumato   da   questo   ripescaggio   di   fogli   e   di   memorie,   a   fornirmi lo spunto per questa ulteriore e solitaria corrispondenza con il nulla. Ora ho capito perché il laureato della Luiss non risponde!  La sapete la battuta del figlio del mafioso al ritorno dall’esame? «Patri, nenti dissi!» E quella del Boccaccio?    .
sanseveropuntoit, 13 aprile 2017
«… che, pur “avendo l’animo già pieno d’ira e di mal talento”, preferì tacere  per evitare la vergogna che avrebbe avuto se avesse parlato” »
Capitolo Quarto Il silenzio è mafia (8)