Giornata terza - Novella seconda Un pallafrenier giace con la moglie d'Agilulf re, di che Agilulf tacitamente s'accorge; truovalo e tondelo; il tonduto tutti gli altri tonde, e così campa della mala ventura. Essendo   la   fine   venuta   della   novella   di   Filostrato,   della   quale   erano   alcuna   volta   un   poco   le   donne   arrossate   e alcun'altra   se   ne   avevan   riso,   piacque   alla   reina   che   Pampinea   novellando   seguisse.   La   quale,   con   ridente   viso incominciando, disse. Sono   alcuni   sì   poco   discreti   nel   voler   pur   mostrare   di   conoscere   e   di   sentire   quello   che   per   lor   non   fa   di   sapere, che   alcuna   volta   per   questo   riprendendo   i   disavveduti   difetti   in   altrui,   si   credono   la   loro   vergogna   scemare,   dove essi   l'accrescono   in   infinito;   e   che   ciò   sia   vero,   nel   suo   contrario   mostrandovi   l'astuzia   d'un   forse   di   minor   valore tenuto che Masetto, nel senno d'un valoroso re, vaghe donne, intendo che per me vi sia dimostrato. Agilulf   re   de'longobardi,   sì   come   i   suoi   predecessori   avevan   fatto,   in   Pavia   città   di   Lombardia   fermò   il   solio   del suo   regno,   avendo   presa   per   moglie   Teudelinga,   rimasa   vedova   d'Autari   re   stato   similmente   de'longobardi,   la quale   fu   bellissima   donna,   savia   e   onesta   molto,   ma   male   avventurata   in   amadore.   Ed   essendo   alquanto   per   la virtù   e   per   lo   senno   di   questo   re   Agilulf   le   cose   de'longobardi   prospere   e   in   quiete,   avvenne   che   un   pallafreniere della   detta   reina,   uomo   quanto   a   nazione   di   vilissima   condizione,   ma   per   altro   da   troppo   più   che   da   così   vil mestiere, e della persona bello e grande così come il re fosse, senza misura della reina s'innamorò . E   per   ciò   che   il   suo   basso   stato   non   gli   avea   tolto   che   egli   non   conoscesse   questo   suo   amore   esser   fuor   d'ogni convenienza,   sì   come   savio,   a   niuna   persona   il   palesava,   né   eziandio   a   lei   con   gli   occhi   ardiva   di   scoprirlo.   E quantunque   senza   alcuna   speranza   vivesse   di   dover   mai   a   lei   piacere,   pur   seco   si   gloriava   che   in   alta   parte   avesse allogati   i   suoi   pensieri;   e,   come   colui   che   tutto   ardeva   in   amoroso   fuoco,   studiosamente   faceva,   oltre   ad   ogn'altro de'suoi   compagni,   ogni   cosa   la   qual   credeva   che   alla   reina   dovesse   piacere.   Per   che   interveniva   che   la   reina, dovendo   cavalcare,   più   volentieri   il   palla   freno   da   costui   guardato   cavalcava   che   alcuno   altro;   il   che   quando avveniva,   costui   in   grandissima   grazia   sel   reputava;   e   mai   dalla   staffa   non   le   si   partiva,   beato   tenendosi   qualora pure i panni toccar le poteva. Ma,   come   noi   veggiamo   assai   sovente   avvenire,   quanto   la   speranza   diventa   minore   tanto   l'amor   maggior   farsi, così   in   questo   povero   pallafreniere   avvenia,   in   tanto   che   gravissimo   gli   era   il   poter   comportare   il   gran   disio   così nascoso   come   facea,   non   essendo   da   alcuna   speranza   atato;   e   più   volte   seco,   da   questo   amor   non   potendo disciogliersi,   diliberò   di   morire.   E   pensando   seco   del   modo,   prese   per   partito   di   voler   questa   morte   per   cosa   per   la quale   apparisse   lui   morire   per   lo   amore   che   alla   reina   aveva   portato   e   portava;   e   questa   cosa   propose   di   voler   che tal   fosse,   che   egli   in   essa   tentasse   la   sua   fortuna   in   potere   o   tutto   o   parte   aver   del   suo   disidero.   Né   si   fece   a   voler dir   parole   alla   reina   o   a   voler   per   lettere   far   sentire   il   suo   amore,   ché   sapeva   che   in   vano   o   direbbe   o   scriverrebbe; ma a voler provare se per ingegno colla reina giacer potesse. Né altro ingegno né via c'era se non trovar modo come egli in persona del re, il quale sapea che del continuo con lei non giacea, potesse a lei pervenire e nella sua camera entrare. Per   che,   acciò   che   vedesse   in   che   maniera   e   in   che   abito   il   re,   quando   a   lei   andava,   andasse,   più   volte   di   notte   in una   gran   sala   del   palagio   del   re,   la   quale   in   mezzo   era   tra   la   camera   del   re   e   quella   della   reina,   si   nascose;   e   in   tra l'altre   una   notte   vide   il   re   uscire   della   sua   camera   inviluppato   in   un   gran   mantello   e   aver   dall'una   mano   un torchietto   acceso   e   dall'altra   una   bacchetta,   e   andare   alla   camera   della   reina   e   senza   dire   alcuna   cosa   percuotere una   volta   o   due   l'uscio   della   camera   con   quella   bacchetta,   e   incontanente   essergli   aperto   e   toltogli   di   mano   il torchietto.   La   qual   cosa   venuta,   e   similmente   vedutolo   ritornare,   pensò   di   così   dover   fare   egli   altressì;   e   trovato modo   d'avere   un   mantello   simile   a   quello   che   al   re   veduto   avea   e   un   torchietto   e   una   mazzuola,   e   prima   in   una stufa   lavatosi   bene,   acciò   che   non   forse   l'odore   del   letame   la   reina   noiasse   o   la   facesse   accorgere   dello   inganno, con queste cose, come usato era, nella gran sala si nascose.
DECAMERON