Ammirate, al momento, miei cari cinque amici, questo certificato e immaginate la scena.    Pensate   a   quel   viscido   cerusico   in   prova,   a   quello   squallido   omuncolo   rispondente   al   nome   di   Fernando   Carafa   -   un   uomo   che   non   vale   quel   che   evacua   -   mentre,   abusando   della   professione   medica,   firma   un   certificato   di   cui   non è   intestatario   e   vi   appone,   a   imperituro   disonore   della   professione   che   millanta,   il   timbro   e   la   firma   per   attestare   una diagnosi,   della   quale   -   per   sua   stessa   ammissione   a   verbale   -   non   conosce   il   significato,   senza   aver   visitato   la persona,   un   pubblico   funzionario,   mentre   questi,   ignaro,   stava   assolvendo   alla   propria   funzione   a   contatto   col pubblico nell’Ufficio di cui era responsabile .  Immaginate il seguente dialogo:
« Ciao,    collega,    mi hanno       telefonato dal   Comune   e   la   «  »    Belmonte   mi   ha chiesto     di     farti firmare        questo certificato.     Eccolo    pronto. Firmalo.    Io    l’ho già convalidato ! »
« Non    so    cosa    hai scritto    e    cosa    vuol dire   la   diagnosi    ma, se   te   lo   ha   chiesto la   « dottoressa »     del     Comune,     la mia        deontologia non   mi   permette   di rifiutarmi!»
      E,   ora,   dopo   averlo   letto   e   ben   osservato,   miei   cari   cinque   lettori,   provate   a   indovinare   chi sia stato il compilatore di questo certificato, se ne siete capaci!       Vi   dico,   per   ora,   che   la   Procura   di   Foggia   invece   di   chiederlo   ai   due   delinquenti   patentati, ritenendo   non   bastevole   le   firme   apposte   in   calce   dai   due   ignobili   cerusici,   ha   ritenuto necessario   stabilire   chi   lo   avesse   «compilato»   dandone   incarico   a   un   perito   calligrafo,   solo per dilazionare i tempi dell’inchiesta e spendere i soldi dello Stato.
sanseveropuntoit, 29 aprile 2017
Capitolo QUINTO I volenterosi carnefici