…segue denuncia
Capitolo Sesto I volenterosi carnefici - parte seconda
            AVANTI…  
         Devo   dirvi,   miei   cari   cinque   lettori,   che   rimasi   colpito   da   questo   Maresciallo,   Giovanni   Fingo,   per   la sua   disponibilità   e   per   l’attenzione   che   prestò   al   racconto   del   mio   sequestro,   nonché   per   la   frase   con cui rispose alla mia lamentela per come ero stato accolto dal collega che lo aveva preceduto. «Le   posso   assicurare   che,   per   quello   che   lei   mi   ha   raccontato,   non   troverà   mai   nessun   carabiniere, nemmeno   nella   più   sperduta   Caserma   d’Italia,   che   non   sia   disponibile   ad   accettare   una   denuncia come questa!» Mi     raccomando,     pertanto,     di     presentare     al     più     presto     la     denuncia     per     il     TSO     subito, raccomandandomi   di   far   riferimento   a   tutte   le   circostanze   che   lo   avevano   preceduto   e   allegandovi tutta la documentazione  in mio possesso che servisse alla ricostruzione del fatto.          Tanto   fui   colpito   da   questa   apertura   e   tanto   mi   entusiasmò   il   suo   comportamento   che   ebbi   modo   di salutarlo   con   queste   parole:   «Maresciallo,   io   la   ringrazio   della   fiducia   che   lei   mi   trasmette   e…   le posso   dire   una   cosa?   Non   ho   mai   sopportato   le   divise,   nemmeno   quando   facevo   il   militare,   ma   ora   le dico   che,   se   l’avessi   conosciuta   prima   di   essere   assunto   al   Comune,   avrei   chiesto   di   entrare   nell’Arma per rendere servizio alla Giustizia!»    Fu così che nei giorni successivi mi misi al lavoro per definire la denuncia che avevo abbozzato. Devo dirmi, miei cari cinque lettori, che fu un supplizio approntarla. Non    solo    per    la    meticolosa    ricostruzione    alla    quale    mi    ero    impegnato    e    per    il    recupero    della documentazione   da   allegare   ma,   di   più,   per   il   dover   rivivere   con   rabbia   e   rancore   quel   vissuto   tanto da trovarmi più volte a scrivere tra le lacrime.       Ora   mi   appariva   in   tutta   chiarezza   quella   angoscia,   quel   tremore,   quella   rabbia   impotente   che credevo di aver saputo controllare e superare nei giorni precedenti e che non mi avesse scalfito.    Ne   venne   fuori   un   testo   di   dodici   pagine   che   potrete   leggere   di   seguito   nella   sua   versione   integrale   in Pdf   senza   alcun   rimando   alla   documentazione   allegata,   salvo   in   taluni   casi   dove   è   semplicemente riassunta.          Se   volete,      tuttavia,   avere   conoscenza   degli   allegati,   che   ritengo   importanti   in   quanto   potranno   darvi conto   dei   fatti   e   degli   intrighi   che   hanno   preceduto   il   mio   sequestro   e   di   cui   ho   fatto   fin   qui   solo   cenno,     non avete che da seguire il percorso cliccando su AVANTI .    
sanseveropuntoit,  10 maggio 2017
LINK a PDF