Capitolo Sesto I volenterosi carnefici - parte seconda
-Alla PROCURA GENERALE          presso la CORTE DI APPELLO  di BARI -Alla PROCURA DELLA REPUBBLICA - FOGGIA -Al COMANDO COMPAGNIA CARABINIERI - SAN SEVERO -AL DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA    - Roma All’On.le Frattini – MINISTRO FUNZIONE PUBBLICA    - Roma Alla COMMISSIONE PER L’ACCESSO ai Documenti Amministrativi Via del Tritone, 142 -   00187-Roma All’ORDINE DEI MEDICI   - Foggia MEDICINA DEMOCRATICA -  San Severo Al Direttore Generale ASL FG/1            San Severo A S.E. IL VESCOVO della Diocesi         di San Severo Al Dott. Arturo Bianco c/o ANCITEL    Roma Ai MASS MEDIA          locali e nazionali 1.1 Il   sottoscritto   MACCHIAROLA   Giovannantonio,   nato   il   29.9.1950   a   Gambatesa   (CB)   e   residente   in   San   Severo   alla   Via   F. Pelosi   n.   16,   in   servizio   di   ruolo   dal   1973   presso   il   Comune   di   San   Severo   e   attualmente   incaricato   delle   funzioni   di   responsabile dell’Ufficio Relazioni con il pubblico a far tempo dal 15 febbraio 1996, DENUNCIA 1.1.1 l’Amministrazione   del   Comune   di   San   Severo   per   avere   perpetrato,   a   seguito   delle   trame   poste   in   atto   per   ritorsione   contro   lo scrivente   da   funzionari   del   Comune   di   San   Severo   -   nella   persona   della   Dirigente   del   1°   Settore,   Belmonte   Silvana   e   del   Segretario Generale   Balice-,   una   serie   di   illegalità   e   scorrettezze   amministrative   culminate,   nell’ambito   di   un   disegno   unico   volto   a   vulnerare   la persona   dello   scrivente   e   il   ruolo   rivestito   nell’ambito   della Amministrazione   Comunale,   in   un   illegale   provvedimento   di   trattamento sanitario   obbligatorio   (TSO)   emesso   nella   giornata   del   6   giugno   2001   in   combutta   e   con   la   connivenza   del   responsabile   del   Centro   di Igiene   mentale   della   ASL   FG/1   che,   nella   persona   di   un   non   meglio   identificato   dott.   Crolla,   ha   prodotto   una   certificazione   medica falsa   sotto   tutti   gli   aspetti,   ed   illegalmente   eseguito   dal   Comando   dei   Vigili   Urbani   del   Comune,   Sacco   Ciro,   con   una   azione surrettizia e di violenza inaudita e penalmente rilevante, mentre era regolarmente in servizio presso il proprio Ufficio.    A tal fine espone quanto segue: A-1)   che   in   data   6   giugno   2001,   essendosi   recato   regolarmente   al   lavoro,   riceveva   la   telefonata   di   una   collega,   rispondente   al   nome   di Colio   Elena,   la   quale   esprimeva   insistentemente   l’esigenza   di   parlargli   personalmente   a   condizione   che   salisse,   però,   presso   l’Ufficio di   Segreteria   dove   questa   lavora.   Poiché   erano   forse   da   poco   trascorse   le   ore   11,00,   non   veniva   dato   eccessivo   peso   alla   cosa   se   non per notare con la collega d’Ufficio, Florio Maria, lo strano comportamento di quella persona; A-2)   che   nella   stessa   mattinata,   certamente   dopo   le   ore   12.30,   ricordandosi   dell’episodio,   decideva   di   salire   presso   l’Ufficio   di Segreteria,   invitando   la   collega   ad   accompagnarlo,   fermandosi   durante   il   tragitto   con   dei   colleghi   nella   piazza   antistante   la   sede municipale   (Santoro   Domenico   e   altri)   e   colleghe   mentre   si   salivano   le   scale   del   palazzo   municipale   (Triaca   Maria)   e   intrattenendosi a interloquire con ciascuno di loro. A-3)   che,   entrato   nella   prima   stanza   dell’Ufficio   di   Segreteria   insieme   alla   collega   Florio   Maria,   veniva   avvicinato   dalla   collega   Colio Elena   che   lo   invitava   sorridente   verso   la   successiva   porta   aperta   su   una   fuga   di   stanze   che,   in   quel   momento,   risultava   del   tutto deserta; A-4)   che,   seguìto   in   quell’andare   dalla   collega   Florio,   appena   varcata   la   soglia   della   stanza   successiva   si   è   sentito   spinto   al   suo interno   e   mentre   la   porta   veniva   di   colpo   chiusa   alle   sue   spalle   veniva   circondato   da   persone,   vigili,   guardie,   infermieri   che   gli mettevano le mani addosso per bloccarlo; A-5)   che,   trattenuto   nel   gesto   di   girarsi   verso   la   porta   rinchiusa,   invocava   a   piena   voce   il   nome   di   “Maria”,   la   collega,   e   gridava ripetutamente:   “Fatela   entrare,   Maria!   Fatela   entrare”,   e,   mentre   restava   bloccato   dai   vigili   urbani,   sentiva   qualcuno   che   diceva: “Non può entrare”, individuando quindi la persona del comandante dei Vigili Urbani, Sacco Ciro. A-6)   che   l’assurdità   della   situazione,   nonché   l’allucinante   consapevolezza   di   essere   diventato   improvvisamente   il   personaggio   di   un romanzo   o   di   un   film   di   fantapolitica,   rende   difficile   e   confuso   raccontare   la   maniera   convulsa   in   cui   si   svolsero   i   fatti   dopo   la comunicazione   da   parte   del   comandante   dei   vigili   di   essere   oggetto   di   trattamento   sanitario   obbligatorio   e   la   immediata   reazione   dei due   vigili,   che   furono,   tuttavia,   con   estrema   calma   da   parte   della   vittima,   invitati   ad   abbassare   le   mani   dalle   sue   braccia,   fino   a trovarsi   quasi   spinto   in   una   successiva   stanza   dove   individuava,   assiso   su   una   sedia,   la   schiena   curva,   stanco   evidentemente   per l’attesa della imboscata durata oltre un’ora e mezza, il Dott. Croella del Centro di Igiene Mentale della Asl FG/1; A-7)   che   interrotto   e   bloccato   in   ogni   tentativo   di   autodifesa   e   disattesa   la   richiesta,   più   volte   profferita   nei   confronti   del   comandante dei   Vigili,   di   poter   telefonare   al   proprio   avvocato   e   senza   nessuna   attenzione   alla   protesta   che   si   stavano   ledendo   i   suoi   diritti costituzionali,   veniva   quasi   trasportato   a   braccia   lungo   uno   svicolo   di   stanze,   fino   all’Ufficio   del   comandante   “dove   -   qualcuno diceva – si può parlare con calma” e “dove – diceva qualcun altro – potrai telefonare”; A-8)   che,   condotto   nell’Ufficio   del   Comandante   si   accomodava   con   calma   su   una   sedia   e   chiedeva   di   leggere   la   disposizione   del trattamento   sanitario   per   cui,   dopo   alcune   resistente,   gli   venivano   mostrati   due   fogli,   uno   dei   quali   a   firma   del   sindaco   e   uno   a   firma del dott. Croella nel quale si leggeva di “aver visitato il paziente… che non aveva accettato il trattamento volontario…”; A-9)   che   nel   momento   in   cui   stava   facendo   notare   la   contraddizione,   giacché   non   aveva   subito   alcuna   visita   da   parte   del   Croella   aveva   avuto   colloqui   con   questi   o   con   qualunque   altro   medico,   e   dichiarava   apertamente   che   non   vedeva   quel   medico   dai   primi   di febbraio, i fogli gli venivano strappati di mano dallo stesso comandante per impedirgli di completarne la lettura; A-10)   che   alzatosi   dalla   sedia,   mentre   i   due   vigili   con   preordinata   ed   eccessiva   solerzia   cercavano   di   prevenire   presunte   attività aggressive   da   parte   del   “paziente”,   lo   stesso   dichiarava   con   voce   chiara   e   ben   udibile,   e   ripetendo   la   frase   più   volte,   la   propria volontà di sottoporsi a trattamento volontario; A-11)   che   a   tale   espressa   richiesta   qualcuno,   quasi   sicuramente   il   comandante,   rispondeva   che   ciò   non   era   possibile   in   quella   sede   e che solo all’atto del ricovero poteva essere mutato il tipo di trattamento; A-12)   che   alle   proteste   per   simile   fandonia,   intese   subito   come   segni   di   vaneggiamento,   veniva   bloccato   per   le   braccia   dai   vigili   –   più volte   accusati   e   in   più   momenti   ripresi   per   la   palese   violenza   che   stavano   perpetrando   ad   una   persona   e   ad   un   collega   e   per   la ingiustizia   a   cui   stavano   partecipando   -   mentre   un   infermiere   di   aspetto   corpulento,   di   cui   non   si   conosce   il   nome,   entrava   nella stanza con una siringa pronta e gocciolante tra le mani; A-13)   che   solo   a   seguito   delle   ripetute   grida   di   “aiuto”   a   quel   punto   lanciate   dal   coatto   che   si   divincolava   compostamente   tra   le braccia   dei   vigili   gridando   a   gran   voce   “la   puntura   no!”   e   implorando   che   non   gli   si   facesse   quella   cosa,   quegli   aguzzini   desistevano dal proposito; A-14)   che   rincuorato   da   tale   comportamento,   da   parte   della   vittima   di   quel   sopruso   si   riprendeva   a   richiedere   espressamente   e insistentemente    al    comandante    la    possibilità    di    effettuare    una    telefonata    almeno    al    proprio    avvocato    e,    al    rifiuto    frapposto ripetutamente da questi, rispondeva chiedendo, ancora una volta, se erano stati sospesi i suoi diritti Costituzionali; A-15)   che   a   tale   considerazione   il   comandante   dei   vigili   rispondeva   che   avrebbe   avuto   diritto   alla   telefonata   solo   se   fosse   in   stato   di arresto, mentre in caso di trattamento sanitario questo era impossibile; A-16)   che   alla   constatazione   di   vivere   una   situazione   allucinante   e   di   essere   vittima   di   una   trappola   senza   vie   d’uscita,   come   in   un incubo   il   ricorrente   si   vedeva   costretto   a   pietire   il   diritto   di   poter   telefonare   al   proprio   avvocato   con   tanta   insistenza   e   accoratezza che il comandante vi acconsentiva e, girando dall’altra parte della scrivania, chiedeva il numero da comporre; A-17)   che   appena   dopo   la   dettatura   del   prefisso,   avendo   sentito   i   primi   tre   numeri   da   comporre,   e   cioè   “200...”,   corrispondenti   al centralino    della   ASL,    il    dott.    Croella,    che    fino    ad    allora    si    era    defilato    dalla    scena    e    non    vi    aveva    partecipato,    interveniva prontamente   per   interrompere   in   maniera   risoluta   il   comandante   con   un   “Ora   basta!”   che   fece   desistere   questi   dal   continuare   la composizione   del   numero   e   fu   un   segnale   immediato   per   i   due   vigili   che,   afferratolo   di   peso   e   facendo   propria   la   spazientita   fretta mostrata   dal   medico,   lo   trascinarono   in   malo   modo   e   frettolosamente   lungo   una   ripida   scala   fino   al   cortile   dove   era   in   attesa   la macchina   della   ASL,   venendo   lungo   il   percorso   strattonato   e   apostrofato   dai   due   vigili,   risentiti   per   le   accuse   di   “aguzzini”   e “nazisti” che avevano dovuto subire; A-18)   che,   giunti   nel   cortile,   si   è   cercato   da   parte   del   malcapitato   prigioniero   di   richiamare   l’attenzione   di   quanti   incontrava   nel tragitto   ma   che,   considerata      a   mente   fredda   l’inutilità   della   cosa,   si   rassegnava   a   salire,   sedendo   tra   i   due   vigili,   sul   sedile   posteriore dell’auto   guidata   da   un   dipendente   della ASL,   al   cui   fianco   giaceva   il   dott.   Crolla,   nella   convinzione   che   sarebbe   stato   accompagnato presso la locale ASL per il controllo; A-19)   che,   nello   scoprire   che   veniva   portato   direttamente   in   ospedale,   esprimeva,   ancora   una   volta,   la   propria   flebile   protesta   per   la procedura   desistendo   subito   dopo   da   ogni   ulteriore   manifestazione   e   limitandosi,   durante   il   percorso   e   fino   all’ospedale   di   San Marco   in   Lamis,   a   scambiare   delle   battute   con   i   due   vigili   con   considerazioni   sulla   assurdità   della   situazione   e   sulla   incredibile accusa   certificata,   nonché   sul   loro   atteggiamento   e   comportamento   nei   propri   confronti,   mentre   il   dottor   Croella   si   limitava   al silenzio e al continuo “raccoglimento” della busta contenente il provvedimento restrittivo che continuava a scivolare dal cruscotto; A-20)   che,   giunti   all’ospedale   di   San   Marco,   veniva   registrato   in   ricezione   con   la   spiegazione,   alla   espressa   richiesta,   che   non   era possibile   modificare   il   tipo   di   trattamento   da   obbligatorio   in   volontario   e   che   si   sarebbe   dovuto   chiedere   la   cosa   al   medico   del reparto; A-21)   che,   accettato   nel   reparto   psichiatrico,   nello   spiegare   al   medico,   successivamente   individuato   nel   dott.   Stoduto,   le   circostanze del   TSO   e   le   modalità   di   attuazione   equiparabili   più   ad   un   sequestro   di   persona   o   ad   un   complotto,   in   quanto   “catturato”   con   un raggiro   mentre   era   in   servizio   e   senza   che   nessun   medico   lo   avesse   visitato   o   almeno   visto   e   così   via   dicendo,   veniva   da   questi apertamente   individuato   come   delirante   per   la   impossibilità,   a   suo   dire,   che   una   Amministrazione   Pubblica   potesse   compiere   una simile   follia   a   danno   di   un   proprio   dipendente   e   in   quelle   circostanze   e   aggiungeva,   proprio   come   in   un   incubo,   che   tutti   quelli   che erano ricoverati in quel reparto si reputavano oggetto e vittime di un complotto; A-22)   che   costretto   a   subire   tale   stato,   con   somministrazione   di   medicinali   nella   stessa   serata   e   nella   mattinata   seguente,   a   seguito   di colloquio   con   il   dott.   Stoduto   emergeva   l’assenza   di   qualsiasi   sintomatologia   passata   e/o   presente   e   la   constatazione   che   la   diagnosi del Dott. Crolla era del tutto immotivata e fantomatica per cui veniva interrotto qualsiasi intervento terapeutico; A-23)   che,   in   presenza   di   tali   risultanze,   la   permanenza   in   ospedale   veniva   giustificata   con   la   esigenza   di   conoscere   i   risultati   di analisi   effettuate   in   data   7   e   8   giugno,   con   la   conseguenza   che,   sopravvenendo   il   sabato   e   la   domenica,   veniva   dimesso,   con   esito terapeutico   “immodificato”,   solo   nella   mattinata   di   Lunedì   11   giugno   2001   dopo   un   ampio   colloquio   con   il   dott.   Stoduto,   svoltosi   con la   partecipazione   e   sotto   la   supervisione   del   Dirigente   del   Reparto,   Dott.   Pettolino,   con   il   quale   ultimo   si   è   trattenuto   ulteriormente nel corso del primo pomeriggio; A-23-a)   che,   a   seguito   di   intesa   con   il   Dott.   Pettolino   e   in   linea   con   il   suo   progetto   di   introduzione   di   sistemi   informatici   quale   ausilio ai   ricoverati,   si   è   convenuto   di   organizzare   una   presentazione   del   Cd-Rom   multimediale   “San   Severo   2000”,   realizzato   di   recente dall’Ufficio   Relazioni   con   il   pubblico   del   Comune   di   San   Severo,   che   veniva   effettuata   nella   successiva   settimana   dallo   scrivente   a favore dei degenti e del personale medico e paramedico del reparto; A-24)   che   nella   stessa   giornata   dell’11   giugno,   passato   per   l’Ufficio   Relazioni   con   il   pubblico,   apprendeva   dai   colleghi   che   per   ordine della   dirigente   erano   state   cambiate   le   serrature   della   porta   e   della   serranda   dell’Ufficio   e   che   nessuna   copia   delle   chiavi   era   in mano   dei   dipendenti   in   quanto,   sempre   per   disposizione   dirigenziale,   si   doveva   procedere   all’apertura   e   chiusura   dell’Ufficio esclusivamente tramite messo comunale appositamente incaricato. A-25)   che,   nella   giornata   del   20   giugno   2001,   mentre   era   assente   dal   lavoro   per   motivi   di   salute,   veniva   informato   telefonicamente   da persona   che   non   vuole   essere   nominata   per   tema   di   ritorsioni,   che,   sempre   per   ordine   della   dirigente   Belmonte   Silvana,   si   era provveduto   al   prelevamento   di   due   dei   tre   computer   presenti   in   ufficio   per   essere   portati   in   altro   luogo   per   la   loro   formattazione, nonostante   che   sugli   Hard   Disk   siano   presenti   banche   dati   costituite   nel   corso   di   un   decennio   di   lavoro   e   programmi   acquistati   dal Comune, nonché dati personali che nel corso degli anni hanno avuto modo di esservi memorizzati. A-26)   che   per   tali   ultimi   punti   (A-25   e   A-26)   si   è   già   provveduto,   in   data   20   luglio   2001,   a   presentare   al   Comando   Compagnia Carabinieri   di   San   Severo   formale   denuncia/querela   per   l’accaduto,   con   diffida   nei   confronti   dell’Amministrazione   Comunale   dal continuare   in   comportamenti   lesivi   della   persona   e   dell’Ufficio   che   si   rappresenta   e   con   richiesta   all’Autorità   Giudiziaria   di impedire ogni qualsivoglia manipolazione, accesso, uso e abuso dei dati contenuti sugli Hard Disk.    
            Segue denuncia…  
Avvertenza La denuncia è articolata in più parti distinte come indicato di seguito: 1.1 (§ A1 - A26)   Sequestro del 6 giugno 2001 1.2 (§  B1 - B12)   Manovre attuate da Belmonte e Balice il 5 giugno 2001 ; 1.3 (§  C1 - C25)  Esposizione delle circostante precedenti, dal gennaio 2000 al 4 giugno 2001 ;                                 (erogazione assegno di maternità (AM) e per il nucleo familiare (ANF); 1.4 (§  D1 - D3)    Riferimento contenzioso amministrativo ex artt. 22 e 25 L. 7.8.1990, n. 241 ; 1.5-12                   Conclusioni.
Di seguito è riportata la denuncia trasmessa alla PROCURA il 30 maggio 2001 e consegnata a mano al COMANDO COMPAGNIA CARABINIERI di  SAN SEVERO il 4 luglio 2001