L’idea di telefonargli restò a frullarmi in testa per diversi giorni.          La   moglie   era   un   avvocato   e   più   di   dieci   anni   prima,   a   conoscenza   della   mia   vicenda,   mi   aveva   indirettamente   suggerito   la   possibilità che mi facessi assistere da lei vantandone i meriti alla luce di alcuni risultati da lei conseguiti nelle cause civili che aveva patrocinato. Allora   avevo   declinato   l’offerta   in   quanto   avevo   già   dato   corso   alla   causa   davanti   al   Giudice   del   lavoro,   assistito   dal   mio   avvocato   di Foggia. Non   lo   vedevo,   d’altronde,   da   troppi   anni   e   non   sapevo   quali   potessero   essere   i   suoi   rapporti   con   la   politica   e   con   l’Amministrazione comunale e se, di conseguenza, la moglie potesse avere delle remore a rappresentarmi. Aggiungo   che   certamente   potevo   dire   di   godere   della   loro   stima   in   quanto,   ai   tempi   belli   dell’URP…   tanto   tempo   fa…      in   una   lontana Galassia… avevano richiesto il mio parere facendomi partecipe di una questione familiare che li riguardava indirettamente.          Per   diversi   giorni   continuai   a   gingillarmi   con   quel   pensiero…   anche   dopo   che   ero   riuscito   a   rintracciare   il   suo   numero   di   telefono   su internet…   e,   alla   fine,   poiché   era   l’unica   soluzione   che   ero   riuscito   a   pensare,   mi   decisi   a   vincere   e   superare   il   mio   imbarazzo, telefonandogli.          «Ah!   Ma   come   stai?   Ma   che   piacere?   Proprio   l’altro   giorno…»   e   lascio   al   mio   benevole   lettore   immaginare   il   piacere   che   io   ne   ricavai a   sentirmi   così   ben   accolto   e,   addirittura,   ricordato!   E   piacere   ancora   di   più   perché   nella   mia   errabonda   e   solitaria   esistenza,   come   si protrae ormai da troppi anni, non avevo facile occasione di ottenere una benevolente attenzione al mio caso da parte di un’altra persona. Ed   io,   quindi,   a   chiedere   della   sua   famiglia,   di   come   gli   andava   il   lavoro   per   poi,   con   riferimento   alla   mia   nota   vicenda…      («Ma   certo! Che   mi   racconti?   …   quella   porcata   che   ti   hanno   fatto…»),   avanzare   l’idea   che   la   moglie   potesse   assumere   la   mia   difesa   («Ma   certo!   Te la   passo…»)   e   che   no,   non   volevo   parlare   con   lei   per   non   farla   sentire   in   obbligo   ma   che   suggerivo   che   lui   gliene   parlasse   e   che   lei andasse    a    leggere    quanto    avevo    scritto    sul    mio    sito    («…ma    sì,    sansevero    punto    it…    ogni    tanto    ci    vado…»)    in    maniera    che, comprendendo    lo    spirito    che    animava    la    mia    battaglia    e    che    mi    dava    sprone,    potesse    decidere    con    convinzione    e    ardore    di rappresentarmi. Ci   lasciammo   con   l’intesa   che   ne   avrebbe   parlato   quel   giorno   stesso,   che   sarebbe   stata,   poi,   lei   a   metterssi   in   contatto…   («Ma   certo,   ti faccio   chiamare…»)   …anche   in   caso      negativo…   («Ma   certo!   Non   ti   preoccupare…»)   …con   me   dopo   aver…   («Ma   ci   mancherebbe…») …va bene, ciao… («Ma sempre con piacere…!»).          Il   sollievo   all’ansia   che   mi   aveva   dato   quella   conversazione   andò   scemando   nei   giorni   successivi   e   dopo   una   settimana,   non   avendo ancora   ricevuto   riscontro,   cominciò   a   riaffiorare   l’inquietitudine   e   il   dubbio   se   veramente   stessi   a   vivere   un   incubo   kafkiano   o   se   il   tutto fosse   l’effetto   di   una   mia   psicosi   o   che   non   avesse   memorizzato   il   mio   numero   (ma   no   quel   giorno   era   caduta   la   linea   e   lui   aveva richiamato);   condannato   comunque   all’indifferenza,   al   silenzio   come   risposta   ad   ogni   mio   tentativo   di   rompere   quella   ragnatela,   uscire fuori da quella trappola senza trovare mai un’eco al mio grido. Oppure telefonargli e rinfacciare anche a costui il mio disappunto e la rabbia impotente che mi agitava…       «Ah,   ciao!   Che   piacere…»   ed   io   umilmente   a   ricordare   che…   «Ma   certo,   ha   avuto   da   fare   in   questi   giorni   e   appena   si   sbriga…»   …   che il   ricorso   scadeva   il   20   dicembre,   tra   un   mese   e   mezzo,   e   che   ogni   ritardo...   «Ma   sì!   Non   ti   preoccupare,   te   la   passo…».   No,   Giovanni,   ci tengo,   come   dicevo   l’altra   volta,   che   sia   una   scelta   consapevole   la   sua,   dopo   aver   preso   cognizione   della   faccenda   leggendo   il   mio   sito… «Ma   non   ti   preoccupare…»   ed   io,   soddisfatto   di   me   per   non   essermi   arreso   al   silenzio,   all’indifferenza   e,   nemmeno,   alle   mie   psicotiche kafkiane visioni, restai ancora in attesa…      Trascorsero altri giorni prima che mi inviasse un messaggio per comunicarmi la disponibilità ad essere contattata.       Quasi   due   ore,   la   prima   volta,   a   tentare   di   sciorinarle   i   fatti   e   come   la   mia   fosse   una   battaglia   di   civiltà   contro   una   pubblica amministrazione   che   aveva   leso   i   miei   diritti   fondamentali   con   la   complicità   della   stessa   magistratura   che   aveva   insabbiato   per   tre   anni   la mia   denuncia   procedendo   a   iscrivere   i   colpevoli   nel   registro   degli   indagati   solo   a   seguito   dell’intervento   da   parte   del   Presidente   della Repubblica,   allora   il   benemerito   Ciampi ,   e   che   ero   stato   tenuto   per   sei   anni   e   mezzo   lontano   da   qualsiasi   attività   lavorativa   pur percependo   lo   stipendio   e   che   avevo   bisogno   di   assistenza   per   fare   il   ricorso   per   Cassazione   contro   la   sentenza   del   Giudice   del   lavoro   di Appello   e   per   adire   civilmente   per   il   sequestro   subito   nel   2001   contro   i   responsabili   già   condannati   penalmente   con   sentenza   passata   in giudicato   …   ma   che   lei   comprendesse,   più   che   altro,   il   significato   e   lo   spirito   della   azione   che   stavo   portando   avanti   da   sedici   anni      e   che se   ne   compenetrasse,   leggendo   quanto   avevo   scritto   sul   mio   sito,   sansevero   punto   it,   come   d’altronde   le   avevo   richiesto,   tramite   l’amico e marito Giovanni, ma che mi rendevo conto che non aveva fatto.             La   cosa   che   più   mi   insospettì   fu   un   certo   suo   atteggiamento   rispetto   ad   alcune   mie   affermazioni   e   le   parole   tradiscono   chi   non   ne   tiene conto.          Non   ho   pretesa   di   riportare,   se   mai   lo   ricordassi,   il   dialogo   che   ne   era   seguito   ma   a   un   certo   punto   le   stavo   riferendo   quanto   avevo risposto   all’avvocato   di   Foggia   quando   mi   aveva   comunicato   di   non   volere   proseguire   nel   mandato,   e   cioè   che,   per   quanto   dispiaciuto, per   altro   verso   consideravo   il   lato   positivo   della   cosa   perché   mi   sollevava   da   un   peso   per   poter   tornare   agli   interessi   che   ritenevo   più piacevoli…   quando   lei,   interloquendo   sulla   cosa,   ebbe   a   darmi   ragione   e   merito   della   mia   scelta   in   quanto   «la   cosa   importante   è   la tranquillità   eccetera…»,   non   comprendendo   che   stavo   proseguendo   per   dirle   che   non   potevo,   tuttavia,   lasciar   spegnere   questa   vicenda   da una   una   sentenza   ingiusta…   e   che   ciò,   per   quanto   mi   pesasse,   lo   stavo   facendo   per   lo   stesso   senso   di   dovere   che   mi   aveva   animato   fin   da   sedici   anni,   nonostante   rappresentasse   una   incombenza   di   cui   mi   sarei   volentieri   liberato   se   non   fosse   per   il   mio   obbligo   di rappresentarmi   come   persona   innanzi   tutto   e   poi   come   persona   offesa   nella   propria   dignità   e   nei   propri   diritti   fondamentali    con una   serie   di   atti   illeciti   perpetrati   da   una   pubblica   amministrazione,   il   Comune   di   San   Severo,   tollerati   e   protetti   (gli   atti   illeciti)   per   sei anni   e   mezzo   dall’ omertosa   connivenza   della   Procura   di   Foggia   e,   ora,   condonati   dalla   ignobile   benevolenza   di   due   Giudici   del lavoro…   senza   parlare   delle   diciotto,   dico   diciotto,   denunce   penali   (di   cui   solo   la   prima   è   stata   considerata,   ma   solo   grazie   a   Ciampi) insabbiate   per   la   evidente   collusione   tra   la   mafia   politica   del   Comune   di   San   Severo   e   la      Procura   della   Repubblica   di   Foggia …   e che,   per   il   valore   ideale   assunto   dalla   mia   azione   e   dalla   mia   resistenza   a   quella   serie   disoprusi   e   ingiustizie,   non   potevo   accettare   di desistervi. Ebbene,   allo   stesso   modo   che   mi   aveva   dato   ragione   prima   («che   la   cosa   importante   è   la   tranquillità»),   così   mi   fu   dato   merito   del   senso di   dovere   che,   rinunciando   alla   mia   «tranquillità»,   mi   imponevo   a   difesa   della   mia   dignità   di   persona:   l a   sua   accondiscendenza   mi   faceva nascere sospetti sulla sua capacità di cogliere il valore e il senso della mia lotta e della mia resistenza a quello stupro!          Riassumendo   il   lungo   e   complesso   dialogo,   stavo   a   richiederle   assistenza   per   impugnare   in   Cassazione   la   sentenza   di   Appello   del Giudice   del   lavoro,   pubblicata   il   20   giugno   2017   (per   la   quale,   nell’eventualià   di   un   rigetto,   avevo   intenzione   di   adire,   successivamente, la   Corte   Europea)   e,   in   secondo   luogo,   l’avvio   della   causa   per   per   il   risarcimento   dei   danni   a   carico   dei   responsabili   del   mio   sequestro, già condannati con sentenza penale di Appello passata in giudicato. Poiché   lei   ricavava   una   impressione   negativa   dal   rifiuto   dell’avvocato   di   Foggia   di   continuare   ad   assistermi,   cosa   che   la   portava   a considerare   improponibile   il   ricorso   che   intendevo   fare,   la   invitavo   a   prendere   contatto,   con   l’avvocato   di   Foggia,   che   avrei   nel   frattempo preavvisato,   per   ulteriori   charimenti   e   per   prendere   accordi   per   il   ritiro   del   fascicolo   riguardante   la   causa   mentre   per   quanto   riguardava l’assunzione   dell’incarico   per   il   risarcimento   del   danno   riconosciuto   penalmente   a   carico   degli   imputati,   ne   rimandavo   l’esame   per   dare preminenza al ricorso in Cassazione Civile in considerazione che andava a scadere il 20 di dicembre, praticamente un mese. .
Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
Il mio amico Giovanni
  sanseveropuntoit, 4 Aprile 2018