Quando,   ai   primi   di   dicembre,   per   due   giorni   non   rispose,   né   richiamò,   ai   miei   tentativi   di   contatto,   visto   che   dovevo già   pietirne   l’attenzione,   cominciò   a   sorgermi   il   dubbio   sulla   idoneità   della   moglie   del   mio   amico   Giovanni   ad assolvere al compito che intendevo affidarle. Fu per questo che mi venne in mente di tornare a rivolgermi all’avvocato di Foggia.    Ecco! Telefonargli in via amichevole…    E così ho fatto il sei di dicembre.     “Pronto, avvocato? Sono Macchiarola.”     E lui, subito: «Ah! Mi dica, Macchiarola»          “Volevo   chiederle   di   individuare   quando   potrà   avere   cinque,   dieci   minuti   del   suo   tempo,   per   poter   consentirmi   di   avere   con   lei   una   conversazione amicevole.   Sia   chiaro   che   glielo   chiedo   al   di   là   del   rapporto   che   ci   ha   legato   in   questi   anni,   ma   solo   per   sfogare   la   pressione   alla   quale   sono   sottoposto   in questi ultimi giorni”     «Mi dica» dice lui «E’ questo il momento.»     Resto perplesso, impreparato ma…     “Bene, la ringrazio allora. Volevo dirle che sto trascorrendo un periodo di particolare affanno dopo che ho ritenuto di rivolgermi…”     «Sì» mi interrompe lui «Mi ha accennato, e attendevo un contatto dalla collega…»          “Il   fatto   è   che   l’avvocato   che   ho   interpellato   (moglie   del   mio   amico   Giovanni!)   non   mi   dà   assicurazioni   circa   la   sua   volontà   di   intraprendere   un   ricorso in   quanto   è   convinta…   ma   la   cosa   più   grave   è   che   non   ritengo   che   abbia   inteso   la   mia   situazione…   questo   per   differenze   filosofiche,   direi…   mancanza di   condivisione   dei   presupposti…   e,      tra   l’altro,   dopo   aver   scoperto   che   è   un   acquario...   Allora,   dopo   aver   pensato   di   inviarle   solo   alcuni   appunti   per convincerla   della   bontà   delle   obiezioni   opponibili   alla   sentenza   di   appello,   ho   deciso   di   continuare,   piuttosto,   nella   estensione   di   queste   note   pensando che   in   caso   di   suo   rifiuto   avrei   potuto   rivolgermi   ad   un   altro   avvocato   perché,   dopo   un      più   opportuno   confezionamento   le   rendesse   presentabili   in   un ricorso all’Alta Corte”.      Fu a questo punto che il telefono si spense.    Mezz’ora perché la batteria si rabilitasse e desse segni di vita.                Quando   riuscii   a   risabilire   la   conversazione   e   con   qualche   fatica   provai   a   ricomporre   quanto   avevo   premesso   per   adombrare   alla   fine   la   mia   richiesta, dovetti   subire   il   tono   indispettito   e   alquanto   risentito   dell’avvocato   che   sbottò   a   dire:   «Lei   quindi   pretende   che   io,   che   non   ho   ravvisato   motivi   di   ricorso nella   sentenza   di   appello,   mi   legga   quanto   scritto   da   lei   per   convincermi   di   aver   sbagliato   e   quindi   procedere   alla   presentazione   della   opposizione   per Cassazione…!»     Ed io, pacifico, ho risposto:          “Avvocato,   ma   perché   vuole   metterla   come   un   contenzioso.   Io   non   voglio   fare   una   discussione   volevo   parlare   solo   amichevolmente.   Le   ho   già   detto, quando   mi   ha   comunicato   che   non   voleva   saperne   di   continuare,   che   ero   persino   sollevato   dal   fatto   di   poter   chiudere   finalmente   una   faccenda   che   tanta apprensione   mi   aveva   creato,   e   metterci   la   parola   fine.   Quindi   io   non   pretendo   alcunché   in      quanto   ho   già   accettato   il   suo   punto   di   vita.   Le   dico   solo   che, «popperaniamente»   parlando,   rispetto   ad   una   affermazione   di   non   procedibilità   per   Cassazione   io   avrei   diritto   a   rappresentare   una   diversa   opinione   che, per quanto detto, sono disposto a sottoporle indipendentemente dal processo, come se questo fosse già  concluso o fossero scaduti i termini prescritti”.          «Ah,   se   è   così   mi   mandi   pure   quello   che   ha   scritto   e   che   mi   riservo   di   leggere.   Sappia   comunqe   che   per   impostare   un   ricorso   io   dovrei   poi   trasdurre   le sue osservazioni in motivi di ricorso e non è una cosa facile.»      “Ma io, avvocato ho fatto proprio questa operazione”.          «Ma   lei   non   si   rende   conto   che   anche   gli   avvocati   di   mestiere   nello   scrivere   ricorsi   per   Cassazione…!   Pensi   che   quando   una   volta   ho   chiesto   a   un collega di approntare un ricorso questo, alla fine, mii ha detto: avvocato, e mica sono un cassazionista!»          E   io:   a   dirgli:   “Non   mi   prenda   per   presuntuoso   ma   credo   di   aver   impostato   i   motivi   di   ricorso   dopo   averli   appunto   “trasdotti”   nella   forma   prevista dall’art 640 (per fargli capire che sapevo anche dare i numeri!)” Ma lui, niente, a continuare…  «…e poi si tratta di presentare il ricorso a Roma, fare le copie, fare la comunicazione…»          “Ma   avvocato   queste   sarebbero   incombenze   del   tutto   eventuali   qualora   si   volesse   continuare   nel   procedimento.   Io   invece   le   sto   dicendo   che   le   mando quanto ho scritto indipendentemente da ciò”    «Bene, allora me le mandi» mi fa lui «Io le leggerò lunedì!»    “Eh, no, avvocato! Lei deve leggerle oggi, giovedì, perché lunedì sarebbe tardi, visti i tempi brevi per la presentazione…”    «Allora lei insiste! Le ho detto…»    “Avvocato è lei che ha detto poco prima che i tempi sono brevi mentre io non intendevo…”    «Va bene. Me le mandi. Poi le farò sapere.». “Io   gliele   mando   adesso,   se   vuole.   Lei   si   legge   solo   le   prime   righe.   Se   valuta   che   siano   già   bastevoli   per   confermare   il   suo   giudizio   negativo,   la   sua indisponibilità   o   la   stupidità   di   quanto   da   me   scritto,   lei   non   deve   andare   oltre.   Mi   risponde   anche   con   un   messaggio,   NO   ed   io   accetterò   senza sindacarlo il suo giudizio.”    «Quindi non mi chiederà il perché, le ragioni…?»    “Ma certo, avvocato. Nessuna obiezione, domanda, o dubbio.”    «Va bene me la mandi»    “Gliela mando tra poco, solo il tempo di aggiustarla.!”             E   così,   di   lena,   di   nuovo   al   lavoro,   a   rileggere,   aggiungere,   correggere,   aggiustare,   confrontare   sentenza,   formattare il   testo   per   cui   potrai   condividere,   mio   caro   lettore,   la   mia   sorpresa   per   la   telefonata   pervenutami   nel   pieno   di   questo lavoro, verso le diciassette e trenta, e comprendere la mia gioia nello scoprire che era l’avvocato a dirmi al telefono: «Macchiarola, qui non mi è pervenuto niente!»          Come   il   mio   lettore   può   comprendere,   lo   ringraziai   di   quella   telefonata   fino   a   metterlo   in   imbarazzo   sottolineando con   quel   gesto   la   sua   premura      attenzione;   e   ancora   di   più   lo   feci   quando   mi   informò   che   non   avrebbe   più   aperto   la posta   quella   sera   e   che   mi   avrebbe   letto   solo   il   giorno   dopo,   in   quanto   in   tale   modo   mi   dava   più   tempo   per   migliorare il testo da inviargli.   All’alba   del   nuovo   giorno,   dopo   ulteriori   correzioni   e   aggiustamenti,   gli   inviai   il   frutto   del   mio   lavoro   con   una   lettera di   accompagnamento   dove   esprimevo   tutta   la   mia   stanchezza   per   quella   immensa   impresa   a   cui   mi   ero   sottoposto   per tanti   giorni   e   dove   annotavo   la   vanesia   decisione   di   volgere   il   tutto   in   una   commedia   a   cui   sarebbe   stato   certamente più piacevole attendere e al qual fine avevo preso delle note, ora servite per dar voce al dialogo con i miei avvocati.          Inviai,   fatto   pieno   giorno,   lo   stesso   brogliaccio   da   servire   per   il   ricorso   in   Cassazione   anche   alla   moglie   del   mio amico Giovanni. Mancavano   solo   giorni,   ormai,   per   la   scadenza   dei   termini   del   ricorso   e   solo   un   miracolo,   una   conversione   di Damasco dell’avvocato di Foggia, avrebbe potuto ancora segnare un sentiero da percorrere…
Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
Di nuovo l’avvocato di Foggia
  sanseveropuntoit, 6 Aprile 2018