Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
20 dicembre 2017 Sindaco!          Alla   scadenza   del   termine   per   la   presentazione   del   ricorso per   Cassazione   alla   sentenza   di Appello   del   Giudice   del   lavoro del   Tribunale   di   Bari   ,   pubblicata   il   20   giugno   2017   -   che   ha accolto    le    ragioni    del    Comune    di    San    Severo,    da    lei    in continuità   delinquenziale   rappresentato   -      mi   sento   autorizzato, per   i   fatti   da   lei   addotti,   a   definirla,   senza   remore,   falsificatore impunito,   farabutto   recidivo   e   spergiuro   impenitente   qual'è   lei all'impronta! E   che   siano   insoddisfacenti   queste   affermazioni,   lo   avrebbe mostrato    il    ricorso    per    Cassazione    che    avrei    presentato    se avessi trovato un avvocato disposto ad assistermi.          Se,   però,   la   impossibilità   di   presentare   il   ricorso   le   potrà essere   di   sollievo,   serva   questa   mia   a   tentare,   quantomeno,   di inquietarla   con   l’esame   della   questione   al   di   fuori   delle   aule   di un    Tribunale,    visto    che    questi    le    sono    grottescamente    e solidalmente amici.          Per   quanto   il   diritto   e   il   senso   comune   possano   essere   fuori dalla   sua   portata,   il   ricordo   degli   studi   universitari   le   potrà sovvenire   per   renderle   la   possibilità,   in   punta   di   ragionevole argomentazione,   di   seguire   quanto   avrei   potuto   dire   all’Alta Corte   a   denotazione   e   dimostrazione   delle   espressioni   con   le quali   la   interpello   e   alle   quali   mi   sento,   di   fatto,   autorizzato   per i   miei   trascorsi   di   dipendente   di   gran   merito   perseguitato   e ostracizzato   da   una   amministrazione   comunale   da   Repubblica delle   Bananas,   come   altre   volte   ho   definito   l’amministrazione del    comune    di    san    severo    che    ora    lei    rappresenta    con pedissequa   e   ossequiosa   aderenza   -   ricevendone   sempre   quale risposta,    anche    quando    ne    ero    dipendente,    un    imbarazzato silenzio di conferma.          Nella   sentenza   di   Appello   il   giudice,   nel   riportare   il   sunto della    vicenda    e    riprendendo    la    sentenza    di    primo    grado, afferma:     " Si    costituiva    in    giudizio    l’Amministrazione    resistente, contestando   ogni   addebito   premettendo   che   il   ricorrente,   già da   molto   tempo   prima,   rispetto   agli   episodi   denunciati,   era affetto   da   disturbi   della   personalità   e   da   etilismo   cronico,   in ragione    dei    quali    era    stato    sottoposto    a    TSO    in    data 12.02.2003 ”.     Nella    sentenza    di    primo    grado    del    2010    era,    invece, esattamente   riportato:   " …che   in   data   6.6.2001   -   su   espressa richiesta   della   moglie   -   veniva   disposto   nei   suoi   confronti   un TSO   sulla   base   di   una   certificazione   del   medico   proponente attestante    una    "sindrome    delirante    in    fase    di    scompenso. Alcolismo ".         Tutto   ciò   risulta,   comunque,   in   perfetta   continuità   di   pensiero e   di   intenti   con   quanto   dichiarato   dallo   stesso   ente   comunale   in occasione   del   processo   di Appello   penale   tenutosi   nel   2008   che ha   condannato   -      con   sentenza   passata   in   giudicato   -      il   sindaco del   comune   di   san   severo   per   tutti   i   reati   ascrittigli   comportanti una    pena    che    ben    supera    i    20    anni    tanto    da    essere    stato costretto   nel   2006   ad   affidarsi   alla   benevolenza   del   GUP   che, poi,   per   ispirazione   divina   o   mafiosa,   ha   deciso   per   il   non luogo a procedere e per l’assoluzione.          Fa   specie,   dunque,   che   il   giudice   di   appello   del   Tribunale   di Bari,    dopo    aver    letto    la    sentenza    penale    del    2008    dove    si afferma   come   il   ricorrente:   “… pur…   in   virtù   di   un   precedente T.S.O.   cui   era   stato   sottoposto   nel   lontano   1993,   sia   stato inopinatamente    sottoposto    al    nuovo    T.S.O.    senza    che    ne ricorressero   le   condizioni   legittimanti,   con   palese   violazione della   sua   libertà   personale   sì   da   integrare   tale   condotta   i   reati di    sequestro    di    persona    contestati    ai    capi    a)    e    b)    della rubrica... ”,   non   si   sia   accorto   che   la   costituzione   in   giudizio della    parte    resistente    nel    2017,    come    sopra    riportata    dallo stesso   giudice,   sia   esattamente   basata   sullo   stesso   presupposto che   la   sentenza   del   2008   ha   escluso   tanto   da   comminare   una condanna penale.
      Un   giudice   da   barzelletta   se   non   per   la   parzialità,   quantomeno per la sua strabiliante e ridicola illogicità.       Si   renderà   comunque   conto   come   l’affermazione   contenuta nella    sua    resistenza    in    giudizio,    ovvero    che    io    sarei    una persona   con   problemi   psichici   oltre   che   un   etilista   cronico, avendo   ottenuto      riconoscimento   nella   sentenza   del   suo   amico giudice,   aggrava   di   molto   la   diffamazione   da   lei   operata   per cui,     non     fidandomi     di     adire     un     giudice     per     averne soddisfazione   per   il   rischio   di   incappare   in   qualche   altro   suo amico,    devo    trovare    soddisfazione    in    un    confronto    diretto, spietato e a muso duro e su questo piano la sfido.          Mi   basti   al   momento   anticipare,   a   proposito   di   miei   pregressi problemi   psichici,   che   quando,   in   passato,   sono   stato   ascoltato in   una   giunta,   ebbi   modo   di   vantarmi   di   aver   tenuto   testa   al Comune,   fino   ad   allora   e   da   tre   anni,   non   perché   ero   io   più bravo,    ma    perché    erano    più    stupidi,    in    quanto    scelti    da amministratori   stupidi,   i   dirigenti   che   mi   agivano   contro   su pressione dell’amministrazione. In   questo   caso,   oltre   a   doverle   dare   dello   stupido,   come   sarà meglio   chiarito   in   prosieguo,   potrei   aggiungere   che   lei   è   un mentecatto   e   un   demente,   se   volessi   solo   offenderla   con   vaghe parole   senza   riscontro   come   ha   fatto   lei;   certamente,   invece,   e sulla     base     di     fatti,     posso     aggiungere     quelle     di     sordido mentitore,    di    infido    mestatore,    di    bugiardo    impunito    e    di delinquente   di   sicuro,   pur   senza   alcun   amico   giudice   che   le confermi.             Ma    veniamo    a    lei    e    al    giudice    di   Appello    (comprato? venduto?   pressato?   minacciato?),   diciamo   solo   compiacente, che   ha   accettato   il   punto   di   vista   del   comune   di   san   severo, parte   resistente,   e   la   sua   richiesta   di   conferma   della   sentenza appellata    senza    accorgersi    che    l’ente    resistente    è    mentitore recidivo   in   quanto   già   condannato   in   sede   penale   "per   aver attestato   il   falso   in   atto   pubblico”,   come   nella   stessa   sentenza riconosce    il    giudice    di    Appello    nel    riportarla    pur    con    la plateale       esclusione       dell’intero       periodo,       molto       più compromettente,    con    il    quale    si    condannava    il    sindaco    : " …perché   con   più   azioni   esecutive   di   un   medesimo   disegno criminoso,    poste    in    essere    in    tempi    diversi,    in    qualità    di Sindaco   del   Comune   di   San   Severo,   nello   svolgimento   delle sue funzioni, attestava il falso in atto pubblico ".          Ma   si   rende   conto?   Lei   vince   una   causa   civile   di   lavoro   per aver   invocato   a   propria   discolpa   le   medesime   controdeduzioni che   hanno   comportato   la   sua   condanna   penale   e   che,   ciò   non ostante,    lei,    da    perfetto    imbecille,    continua    a    invocare    pur sapendo   che   è   un      falso   in   atto   pubblico   già   acclarato   e   per   il quale è già stato condannato. O    lei    è    “quel”    perfetto    imbecille    oppure    ripone    una    cieca fiducia    nella    possibilità    di    incrociare    la    complicità    di    un giudice   venduto   che   l’aiuti   a   farsi   beffe   della   legalità   e   della Giustizia.          Lei,   se   non   lo   ha   capito,   nel   2010   e   nel   2017,   ha   continuato davanti   al   giudice   del   lavoro   a   sostenere   le   medesime   falsità, per    le    quali        il        suo    predecessore    in    persecuzione    è    stato condannato   penalmente   nel   2008   ma   riesce   a   trovare   ben   due giudici    disposti    a        chiudere    un    occhio    sulla    sua    stupidità creando   il   sospetto,   nel   condividerla,   di   legami   e   collegamenti trasversali   tra   i      poteri   politici   e   amministrativi   locali   –   che,   nel caso,   si   perpetuano   da   16   anni   nonostante   il   cambio   di   colore delle   intercorse   amministrazioni   -,   e   quelli   di   più   alto   rango, capaci     di     interagire     con     magistrati     disonesti     o     procure       inquinate. E   comunque,   pur   con   la   convinzione   di   essere   un   disonesto,   lei si   è   fatto   esecutore   testamentario   del   defunto   sindaco   che   l'ha preceduta e della cui memoria si è fatto ultimo alfiere. (segue)
LETTERA APERTA AL SINDACO DEL  COMUNE DI SAN SEVERO ovvero al sindaco del “comune delle Bananas”  Francesco  Miglio
   sanseveropuntoit, 8 Aprile 2018