Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
         In   tal   modo   lei   si   è   reso,   in   perfetta   prosecuzione   di   atti   e   di intenti,   connivente   e   complice   del   complotto   ordito   a   mio danno    e    messo    in    atto    prima    con    il    TSO    -    eseguito    con premeditata    e    illegittima    violenza    al    fine    di    arrecarmi    un ingiusto    danno    e    calpestando    i    miei        diritti    fondamentali, inalienabili   e   costituzionalmente   tutelati   -   e   poi   escludendomi dalla     mia     professionalità     ed          esercitando     una     illegale, perseverante   e   capotica   attività   persecutoria   in   un   clima   di terrorismo   psicologico   teso   a   emarginarmi   dai   colleghi   oltre che   dal   contesto   lavorativo,   tenendomi   in   tal   modo   privato, nell’arco   di   sei   anni   e   mezzo,   di   qualsiasi   attività   lavorativa pur   in   perseveranza   degli   emolumenti   stipendiali,   dei   buoni pasto   e   persino   dello   straordinario,   al   solo   fine   di   ferire   la   mia dignità   e   umiliare   la   mia   persona   (“Come   che   di   ciò   pianga   o che n’aonti.”, dice l’Alighieri.).      Vicenda,     questa,     di     cui     lei,     assumendosene     pieno     e consapevole   carico   e   utilizzando   le   medesime   motivazioni   del suo   defunto   predecessore,      si   è   fatto,   in   conclusione,   ultimo boia.          La   sua   ignominia,   già   in   sé   deprecabile   e   vergognosa, diventa   abominevole   se   confrontata   poi   con   la   pregevole   e distinta    attività    da    me    svolta    quale    dipendente    pubblico nonché     con     i     meriti     conseguiti     nella     mia     funzione     di Responsabile   dell’Ufficio   Relazioni   con   il   Pubblico      per      il lustro   che   ho   dato   a   questo   comune   a   livello   nazionale   e internazionale     con     riconoscimenti,     premi,     attestazioni     e apprezzamenti   tra   cui   quella   di   essere   stato   riconosciuto   tra   i migliori    cento    uffici    di    tutta    l’Amministrazione    Pubblica nazionale   “da   additare   ad   esempio”   e,   per   concludere,   con   i tanti   risultati   conseguiti   tra   i   quali,   ultimi   in   ordine   di   tempo, la   realizzazione   di   un   cd-rom   sulla   città   e   il   Progetto   Pass, finanziato   con   fondi   europei   e   da   me   proposto   e   portato   a termine   per   essere   poi   infranto   dall’azione   criminale   di   cui   io sono stato vittima e lei si è fatto complice..        Alla    luce    dei    risultati    che,    con    abnegazione,    creatività, intelligenza      ed      efficienza,      ho      conseguito      a      favore dell’immagine    del    Comune,    dei    sevizi    comunali    e    della cittadinanza,   devo   dire   che   il   giudizio   e   la   valutazione   che   lei rende   alla   mia   persona   la   configura   come   un   omuncolo   da strapazzo,     un     losco     e     spudorato     mentitore,     un     falsario recidivo   e,   come   detto,   uno   stupido   laureato;   un   pover’uomo, un      ominicchio,      rappresentazione      ed      epigone      di      una amministrazione     delinquenziale     e     che,     alla     luce     della perseveranza           prevaricatoria           continuatasi           sotto amministrazioni   di   colore   diverso   e   la   protezione   di   cui   tale persecuzione   ha   goduto   anche   da   parte   delle   forze   dell’ordine e   della   Magistratura   nel   corso   di   sedici   anni,   non   ho   tema   di definire di stampo mafioso.             Lei,   quindi,   è      un   ipocrita   che   fa   il   digiuno   per   la   legalità mentre   difende,   conferma   e   tiene   viva   la   prevaricazione,   il sopruso,   la   prepotenza,   la   menzogna   come   sistema   e   metodo di   potere   da   usare   contro   un   singolo   per   schiacciarlo,   ferirlo, umiliarlo   alla   faccia,   e   a   beffe,   del   giudice   Livatino       di   cui, col   ritiro   di   un   riconoscimento   a   Suo   nome   e   del   quale   lei   è indegno,    lei    offende    ogni    giorno    la    memoria,    tanto    da sentirmi    in    obbligo    di    inviare    la    presente    per    conoscenza anche        al    Comitato    che    gliel’ha    attribuito,    con    l’invito    a ritirarglielo.           A   quest’ultimo   proposito,   avendo   appreso   nel   frattempo   che il    Presidente    della    Regione    Puglia     era    tra    coloro    che avrebbero   impedito,   in   occasione   del   funerale   del   Giudice Livatino,   di   far   inquadrare   Cossiga   dalle   telecamere   e   che hanno   portato   a   spalla   la   bara   di   tale   apprezzato   magistrato, devo   ritenere   che   la   segnalazione   per   il   premio   l’abbia   potuta fare   lui   quale   suo   compagno   di   merenda   avendo   lui,   al   par suo,   snobbato   ben   due   mie   missive   su   questa   stessa   materia inviategli    quando    lo    credevo    una    persona    onesta,    quanto meno   con   se   stessa,   per   scoprire   che   è,   invece,   solo   un   buon millantatore    o    solo    un    Levantino ,    come    ebbe    in    una trasmissione   televisiva   a   definirlo   il   direttore   del   Tg   di   La7,
Mentana, al quale invierò questa lettera per averlo citato. Aggiungo   solo,   a   proposito   di   questo   super   presidente   -   che,   a differenza   del   Presidente   Ciampi,   non   ha   avuto   il   tempo   per degnarmi   della   sua   attenzione   -   come   una   delle   mie   lettere   sia stata   rifiutata   anche   da   un   sito   giornalistico   (si   fa   per   dire) dove,   invece,   si   vantava   la   politica   di   ampio   respiro   di   questo come    si    chiama,    volta    all’attenzione    verso    gli    ultimi,    gli inascoltati…   ma   che   per   i   suoi   alti   impegni   non   ha   potuto rispondermi,   essendo   troppo   impegnato   a   dare   ascolto   agli ultimi    e    agli    inascoltati...    mostrando    di    non    aver    capito l’ammonimento   di   Livatino   quando   affermava:   “Non   bisogna essere cristiani ma credibili!” Gli   manderò,   comunque,   questa   lettera   quando   ne   ricorderò   il nome recuperando il mio lapsus freudiano.         [Potrei   dar   spazio   alla   definizione   di   “giudice   ragazzino”, fornita   da   Cossiga   ben   8   mesi   dopo   la   morte   del   compianto Livatino     e,     quindi     non     rivolta     a     lui,     come     sostenuto falsamente   dal   “come   si   chiama”;   ma   l’avrei   fatto   solo   per argomentare    e    suggerire,    in    conclusione,    che    lei    potrebbe invece   essere   ricordato,   quale   “premiato   sindaco   delinquente” o   “premiato   sindaco   bugiardo”. Avendolo   fatto,   per   quanto   in     breve   e   argomentandolo   in   altra   parte,   vi   accenno   solo   per riferimento,    e    in    parentesi,    per    evitare    che,    prolungandosi questa    lettera    oltre    le    sei    pagine,    lei    potesse    non    avere abbastanza “fiato” per leggerla fino alla fine.]             Torniamo,    dunque,    un    attimo    ancora    sulla    “Sentenza d’APPELLO”   e   su   quanto   avrei   avuto   da   dire   all’Alta   Corte p er    disonorarla    e,    insieme    a    lei,    lo    stesso    paese    pre- borbonico   che   lei   rappresenta,   il   paese   delle   bananas   e della   illegalità;   un   luogo   infame,   “una   città   senz’anima   e morente”,    “un    luogo    d’espiazione    senza    fondo”,    dove dipendenti,    colleghi,    sindacati,    e    tutta    la    società    civile, sono   rimasti   èbeti   e   indifferenti   spettatori,   quando   non complici   e   omertosi,   dello   squallido   spettacolo   offerto   da una      amministrazione      criminale      sul      cui      pinnacolo municipale      non      può      che      sventolare      la      bandiera dell’ignominia . Ebbene,   in   tale   sentenza   di   Appello   si   fa   per   ben   otto   volte riferimento   a   problemi   psichici   del   ricorrente,   in   vario   modo e     con     varie     allocuzioni,     fondando     tali     “documentate condizioni”   sulla      prima   sentenza   che   il   giudice   di Appello   per scontata.             Nella   sentenza      di   prima   istanza,   che   è   il   fondamento   unico delle   affermazioni   contenute   in   quella   d’Appello   in   ordine alle     condizioni     psichiche     del     ricorrente,     il     riferimento avviene,    invece,    due    volte:    una    prima    per    dichiararle , aggiungendo   di   riservarsi   di   darne   conto   con   “documentate prove”   nel   seguito   della      sentenza;      la   seconda   volta,   per riportare   che   le   “documentate   prove”   sono   da   rinvenirsi nelle “deposizioni di parte resistente”. Con   questo   giochetto   -   non   valendo   a   contrastare   una   simile “valutazione   di   parte”   le   testimonianze   a   cui   lo   stesso   giudice deve    arrendersi    (che    depongono    per    il    riconoscimento    di capacità,    intelligenza    e    competenza    e    per    la    mancanza    di qualsiasi   problema   di   natura   psichica   del   ricorrente)   -   si   torna alla   tesi   della   “parte   resistente”   e   cioè   che   il TSO   gli   era   stato fatto   dalla   moglie   per   suoi   problemi   psichici   precedenti   e perché     il     richiedente     presentava     antecedenti     problemi psichici.             Ma    i    salti    logici    di    questo    giudice    mostruoso    non    gli consentono    di    avvedersi    della    contraddizione    che    ha    la sentenza,   in   sé,   quando   afferma   che:   che   il   TSO   …   (sia stato)   …   disposto   dal   sindaco   sulla   scorta   di   una   ‘espressa richiesta   della   moglie’   è   accertata   invece   come   inesistente e    che,    tra    l’altro,    lo    stesso    TSO    è        stato    effettuato    per “precostituirsi    una    motivazione    (sic!)    sulla    scorta    della quale   disporne   l'allontanamento   dall'U.R.P.   e   collocarlo   in altra      articolazione   operativa   allo   stesso   non   gradita    (come poi puntualmente accaduto).” (segue)
LETTERA APERTA AL SINDACO DEL COMUNE DI SAN SEVERO ovvero al sindaco del “comune delle Bananas” Francesco  Miglio parte seconda
   sanseveropuntoit, 8 Aprile 2018