Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
EPILOGO
 sanseveropuntoit,  13 Aprile 2018 
         Devo   confessare   che   in   questa   solitudine   mi   sono   sentito   più   volte   un   eroe   impossibile,   un   perdente totale,   una   vittima   sacrificale   addirittura;   proprio   per   gli   effetti   esaltanti   di   questa   emarginazione   ma   con l’ambigua   mistura   di   quella   vissuta   da   un   uomo   disperso   in   un   infinito   deserto   e   da   un   alpinista   solitario che ha raggiunto la vetta del mondo.             Solitudine   tanto   assoluta,   incredibile,   da   racconto   fantascientifico   che   quella   tizia   mi   ha   detto   al telefono: “Ma è una storia kafkiana! Ma perché ti hanno preso di mira a questo modo?”    Ho risposto, scherzando: Perché io sono  Gregor Samsa!         Ma    lei,    prima    non    ha    sentito,    poi    non    ha    capito,    infine    ha    ammesso    di    non    aver    mai    letto    le Metamorfosi di Kafka.   
         Dopo   questa   lunga   compagnia,   attribuisco   troppa   intelligenza   al   mio attento   lettore   per   dubitare   della   sua   capacità   di   cogliere   appieno   i   fatti   in causa   avendogli   fornito      -   attraverso   il   mio   riassunto   e,   insieme   ai   contatti avuti    con    i    miei    avvocati,    la    cognizione    della    lettera    aperta    al    sindaco spergiuro   -      tutti   gli   elementi   utili   a   rendergli   possibile   di   valutare   al   meglio le    due    sentenze    che,    citate    più    volte,    sottopongo    solo    adesso    alla    sua personale lettura.    Come direbbe l’avvocato di Foggia, «E’ questo il momento!»          Auguro,   quindi,   buon   divertimento   al   mio   razionale   e   logico   lettore   e   lo sfido,   prima   di   leggere   le   note   da   me   approntate   nello   scorso   dicembre,   al gioco   di   individuare   le   incongruenze,   le   illogicità,   le   contraddizioni   insite   in ciascuna   delle   sentenze   e   quelle   che   emergono   nel   confronto   tra   le   stesse   in modo da comprendere l’infamia di questi due giudici caproni .
Sentenza di primo grado (15.11.2010) Giudice del Lavoro Andrea Basta Sentenza di Appello (20.06.2017) Giudice di Appello del Lavoro Vito Francesco Nettis