Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
Proposta di ricorso per Cassazione          avverso   la   sentenza   n.   1088/2017    emessa   dalla   Corte   di Appello di   Bari   -Sezione   Lavoro   nell’udienza   del   18   aprile   2017   e   pubblicata      il 20/06/2017 RG n. 4081/2011       che   ha   confermato   la   sentenza   n.   6687/2010   emessa   dal   Giudice   del Lavoro presso il Tribunale di Foggia nella udienza del 15.11.2010 Escursus          Con   ricorso   presentato   al   giudice   del   lavoro   in   data   10   febbraio   2004,   il ricorrente   denunciava   il   Comune   di   San   Severo   per   una   serie   di   reati   e comportamenti   vessatori   e   persecutori   subiti   nella   rivestita   funzione   di Responsabile dell’Ufficio Relazioni con il pubblico tesi a escluderlo dalla attività     lavorativa     invocando,     segnatamente,     il     ristoro     del     danno biologico,   derivante   dal   suo   permanere   in   uno   stato   ansioso   depressivo; del     danno     all'     immgine;     del     danno     professionale     da     illegittima dequalificazione,    da    perdita    di    chances    ed    esistenziale;    del    danno patrimoniale,   scaturente   dal   minor   reddito   percepito   nel   corso   degli   anni a   causa   del   comportamento   datoriale   con   risvolti   anche   negativi   sulla   sua posizione contributiva.          Con   Sentenza   n.   6687   emessa   nella   udienza   del   15.11.2010,   il   Giudice del   Lavoro   presso   il   Tribunale   di   Foggia,   pur   riconoscendo   il   verificarsi di    tutti    i    fatti    e    le    azioni    denunciate    e    pur    ravvisandovi    una    azione mobizzate,   ha   inteso   prescindere   da   esse   considerando   di   poter   ricondurre la    vicenda    alla    mera    applicazione    dell’art    2087    con    il    risarcimento equitativo fissato nella misura di 30.000 euro oltre accessori di legge.             Avverso   tale   sentenza   si   è   ricorso   al   Giudice   di   appello   di   Bari   per errata   valutazione   da   parte   del   primo   giudice   in   ordine   alla   sussistenza degli   elementi   costitutivi   della   fattispecie   di   mobbing   con   richiesta   di risarcimento   del   danno   biologico;   di   quello   professionale   conseguente alla   illegittima   dequalificazione;      del   danno   da   perdita   di   chances   e   alla carriera   nonché   quello   esistenziale;   di   quello   patrimoniale   scaturente   dal diverso    reddito    percepito    negli    anni    dal    ricorrente    in    relazione    alle indennità   non   più   corrisposte   per   via   del   comportamento   mobbizzante tenuto   dal   Comune   e,   infine,   in   relazione   alla   omissione   contributiva scaturente   dalla   diminuzione   degli   emolumenti   corrisposti,   il   danno   per   la riduzione   della   propria   pensione,   con   richiesta   di   euro   194.000,00   di   cui euro   50.000,00   a   titolo   di   risarcimento   del   danno   patrimoniale   ed   euro 144.000,00    a    titolo    di    danno    biologico,    professionale    e    perdita    di chances,   esistenziale,   all’immagine   e   al   decoro   personale,   ovvero,   nella misura    eventualmente    maggiore    ritenuta    di    giustizia,    oltre    interessi    e rivalutazione   monetaria   e   -   in   via   subordinata   -   nell’ipotesi   che   non   si ritenga   che   le   vessazioni   denunciate   costituiscono   un’ipotesi   di   mobbing -    condannare    l’Ente    al    risarcimento    del    danno    patrimoniale    e    non patrimoniale     derivante     dalla     illegittimità     di     ogni     singolo     atto     e comportamento denunciato nella misura di euro 95.000,00.          Il   giudice   di Appello,   con   sentenza      n.   1088/2017   pubbl.   il   20/06/2017     (RG    n.    4081/2011)    [da    qui    individuata    come    Sentenza2],    fatta    la ricognizione   della   sentenza   di   primo   grado   (pag.1-6)   [da   qui   individuata come   Sentenza1],   recependo   e   condividendo   integralmente   le   conclusioni del     C.T.U.     officiato     consulente,     definiva     infondato     l’appello     per       “l’assenza    di    qualsivoglia    prova    in    ordine    alla    diretta    correlazione causale   tra   le   condotte   poste   in   essere   dal   Comune   di   San   Severo   a   partire dal   giugno   2001   e   lo   stato   di   salute   di   parte   appellante”   confermando, così, la sentenza impugnata. Ricorso ai sensi dell’art. 360 del Codice di procedura Civile    Avverso tale sentenza si propone ricorso: -Ai   sensi   dell’art.   360,   c.1,      n.   3   cpc   –   violazione   e   falsa   applicazione degli artt. 2, 3, 4, 32 Cost., dell’art 2087 cc e della legge 300/1970; (promemoria:   deve   essere   dedotto   non   solo   mediante   la   puntuale   indicazione delle     norme     assuntivamente     violate,     ma     anche     mediante     specifiche argomentazioni   intelligibili   ed   esaurienti,   intese   a   motivatamente   dimostrare   in qual    modo    determinate    affermazioni    in    diritto    contenute    nella    sentenza gravata   debbano   ritenersi   in   contrasto   con   le   indicate   norme   regolatrici   della fattispecie) -Ai   sensi   dell’art.   360,   c.1   n.   4   cpc   -   per   nullità   della   sentenza   in   quanto manifesta illogicità nella motivazione in relazione al fatto discusso; -Ai   sensi   dell’art.   360,   c.1,      n.   5   cpc   per   omesso   esame   circa   un   fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti.. (promemoria:    la    deduzione    del    vizio    di    cui    all'art.    360    c.p.c.,    n.    5,    non consente   alla   parte   di   censurare   la   complessiva   valutazione   delle   risultanze processuali   contenuta   nella   sentenza   impugnata,   contrapponendo   alla   stessa una   sua   diversa   interpretazione,   al   fine   di   ottenere   la   revisione   da   parte   del giudice    di    legittimità    degli    accertamenti    di    fatto    compiuti    dal    giudice    di merito:    le    censure    poste    a    fondamento    del    ricorso    non    possono    pertanto risolversi    nella    sollecitazione    di    una    lettura    delle    risultanze    processuali diversa   da   quella   operata   dal   giudice   di   merito,   o   investire   la   ricostruzione della   fattispecie   concreta,   o   riflettere   un   apprezzamento   dei   fatti   e   delle   tali prove   difforme   da   quello   dato   dal   medesimo   giudice   (Cass.,   30   marzo   2007,   n. 7972).)
AMMISSIBILITÀ DEL RICORSO             Al   fine   di   procedere   a   fondare   e   dimostrare   l’ammissibilità   del   presente ricorso,    valga    considerare    come    il    giudice    abbia    voluto    nella    sua    sentenza d’appello   dare   il   debito   spazio   e   importanza   al   Trattamento   sanitario   disposto   a danno   del   ricorrente   (SENTENZA2,   pag.2,   ultimo   accapo;      pag.   4,   primo   e     ultimo   accapo;      pag.5,   primo,   secondo   e   terzo   accapo;   pag.6,   primo   accapo) riconoscendo   ed   esplicando   la   evidenza   dell’ingiusto   danno   patito.   Tale   valenza nell’estensione   della   sentenza,   se   non   è   stata,   poi,   tenuta   in   considerazione   ai fini    della    individuazione    del    reato    e    della    decisione,    valga,    tuttavia,        a evidenziare   come   ci   si   trovi   ad   esaminare,   in   primis,   un   reato   che   inerisce   e attenta   ai   diritti   della   persona   e   ai   principi   fondamentali   costituzionalmente sanciti.          Sulla   base   di   tale   valutazione,   si   ritiene,   che   l’art.   117,   secondo   comma, lettera   l),   della   Costituzione   possa   appropriatamente   invocarsi   a   sostegno   della ammissibilità   del   presente   ricorso   in   quanto   la   sentenza   impugnata   ha   rinvenuto la   fattispecie   di   reato   proprio   nell’azione   del   TSO   che   per   la   sua   illegalità, ampiamente   riconosciuta   nella   sentenza   che   si   impugna,   ha   inciso   sui   diritti soggettivi   del   ricorrente   e   sulla   sfera   della   sua   libertà   personale   tutelati   in   via generale   da   l’art.   2;   art.   3,   comma   2   e      art.   4   e,   particolarmente,   dall’art.   32   della Costituzione.  [ NOTA]  Nella    sentenza    di    Appello    si    riconosce,    infatti    (SENTENZA2,    pagina    4,    primo accapo)   che   il   ricorrente   veniva   sottoposto      a   TSO   al   di   fuori   dei   presupposti     della   legge   180/78 ”,      che   non   “presentasse   alterazioni   psichiche   tali   da   richiedere urgenti   interventi   terapeutici ”,   riportando      a   tal   fine   le   dichiarazioni   testimoniali confermative   di   tale   conclusione   e,   infine,   citando   la   sentenza   penale   del   2008   della Corte   di   Appello   (SENTENZA2,   pagina   5,   secondo   accapo)   dove   si   stabiliva   come effettivamente    il    TSO    fosse    stato    utilizzato    quale    forma    di    ritorsione    dei dirigenti   comunali   nei   confronti   del   Macchiarola ”   ,   e   (SENTENZA2,   pagina   6, primo   accapo)   che   partecipi   dell’organizzazione   del   TSO   furono   dirigenti   di livello   verticistico   del   Comune”      e   il   “legale   rappresentante   del   Comune   di   San Severo,   Sindaco   dell’Ente   controparte ”,   riconosciuto,   tra   l’altro,   come   colpevole (SENTENZA2,    pagina    6,    secondo    accapo)    per    aver    attestato    il    falso    in    atto pubblico ” .    (Affermazioni,   queste,   tutte   meritevoli   di   separata   analisi   e   censura   per   non   essere state,   contraddittoriamente,   tenute   in   conto   nella   individuazione   della   responsabilità, come   si   proverà   ad   evidenziare   negli   specifici   e   pertinenti   accapi   inerenti   ai   singoli motivi di ricorso a mente dell’art. 640 cpc). [fine NOTA]             Altro   motivo   di   inammissibilità   potrebbe   consistere   nella   valutazione   che   la sentenza   appellata   abbia   deciso   in   maniera   conforme   alla   giurisprudenza   della Corte   come   specificato   dall’art.   360   bis   cpc.,   cosa   che   mi   pone   in   difficoltà   non potendo   argomentare   oltre   in   questa   premessa   se   non   che   molteplici   si   possono dimostrare,    invece,    le    divergenze    tra    le    argomentazioni    portate    dal    giudice d’appello e la giurisprudenza consolidata dell’Alta Corte.    Dice, infatti la sentenza di Appello (SENTENZA2, pag.10, secondo accapo): “Nel   caso   di   specie   infatti   non   sussistono   tutti   gli   elementi   costitutivi   della fattispecie   di   mobbing:   è   pacifica   la   sussistenza   dei   reiterati   comportamenti ostili   con   i   connotati   della   prevaricazione   e   della   persecuzione   psicologica;   è provata   l’estraneità   delle   stesse   condotte   rispetto   alla   ordinaria   gestione   del rapporto   di   lavoro   in   quanto   intenzionalmente   ostili,   reiterate   e   sistematiche;   - l’intento   persecutorio   unificante   di   tutti   i   singoli   atti   sistematicamente   posti   in essere,   teso   alla   dequalificazione,   svalutazione,   emarginazione   del   lavoratore dal     contesto     organizzativo     è     altresì     provato     dall’assenza     di     condizioni legittimanti   l’avvenuto   TSO.”   »      per   concludure,   di   seguito:   Non   sussiste tuttavia    il   requisito   dell’evento   lesivo   della   salute,    nonché   il   nesso   eziologico tra le condotte ostili e lo stesso pregiudizio subito dal Macchiarola.”.          A   confronto,   la   Corte   Costituzionale   nella      sentenza   n.   359   del   2003   afferma:    “Per   quanto   riguarda   il   soggetto   passivo   si   pongono   principalmente   problemi di     individuazione     e     valutazione     delle     conseguenze     dei     comportamenti medesimi.   Tali   conseguenze,   secondo   le   attuali   acquisizioni,   possono   essere   di ordine   diverso.   Infatti,   la   serie   di   condotte   in   cui   dal   lato   attivo   si   concretizza   il mobbing   può   determinare:   l'insorgenza   nel   destinatario   di   disturbi   di   vario   tipo e,   a   volte,   di   patologie   psicotiche,   complessivamente   indicati   come   sindrome   da stress   postraumatico;   il   compimento,   da   parte   del   soggetto   passivo   medesimo   o nei   suoi   confronti,   di   atti   che   portano   alla   cessazione   del   rapporto   di   lavoro (rispettivamente:     dimissioni     o     licenziamento),     anche     indipendentemente dall'esistenza   dei   disturbi   di   tipo   psicologico   o   medico   di   cui   si   è   detto sopra ;    l'adozione,    da    parte    della    vittima,    di    altre    condotte    giuridicamente rilevanti,    ed    eventualmente    illecite,    come    reazione    alla    persecuzione    ed emarginazione.”          Se   il   giudice   di   appello   avesse   condiviso   lo   spirito   del   Giudice   di   Cassazione avrebbe   valutato   e   deciso   diversamente   invece   di   spezzare   il   percorso   logico   di pensiero   che,   da   quelle   premesse   TUTTE   enunciate,   azzera   la   sentenza   con   un tuttavia ”   che   esclude   l’evento   lesivo   della   salute,   limitando,   in   un   chiaro processo   di   reificazione,   solo   alla   “bio-fisica”   della   persona   la   esperibilità   del danno   mentre   è   ben   più   alta   la   mira   della   norma   intesa   a   tutelare   la   persona vista   nel   suo   poliedrico   diritto   ad   esplicarsi   tanto   che,   nella   stessa   sentenza   n. 359/2003 ,     l’Alta     Corte     giunge     a     concludere     che     la     materia     “rientra nell'ordinamento   civile   [art.   117,   secondo   comma,   lettera   l),   della   Costituzione] e,   comunque,   non   può   non   mirare   a   salvaguardare   sul   luogo   di   lavoro   la dignità   ed   i   diritti   fondamentali   del   lavoratore   (artt.   2   e   3,   primo   comma, della Costituzione).”
FAX-SIMILE di RICORSO PER CASSAZIONE (Brogliaccio delle note inviate ai miei avvocati)        
 sanseveropuntoit, 14 Aprile 2018