Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 13 Maggio 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
              Non   ho   modo   di   sapere   se   il   mio   paziente   lettore   avrà   avuto   la   curiosità   -   e   la pazienza   -   di   leggere   nelle   pagine   precedenti   il   brogliaccio   delle   mie   personali osservazioni   sulle   sentenze   che   mi   hanno   riguardato   e,   dopo   la   rivisitazione   che ne    ho    fatto,    resto    perplesso,    se    non    dubbioso,    che    lo    abbiano    letto    i    miei avvocati.            Nell’incertezza,   mi   permetto   di   riassumere   di   seguito   le   azioni   di   cui   sono stato    vittima    a    far    tempo    dal    2001    e    le    illegalità    e    nefandezze    perpetrate dell’amministrazione     del     comune     di     SS-èvero     avvallate     dall’inerzia     del Comando   Compagnia   dei   Carabinieri   e   dalla   complice   incuria   della   Procura   di Foggia   che   ne   hanno   consentito   il   perpetuarsi   fino   al   1   gennaio   2008   quando, sono   stato   costretto   a   pormi   anticipatamente   in   pensione,   salvo   le   ulteriori azioni   punitive   intraprese   successivamente   dalla   medesima   Procura   contro   la mia persona.       Non   starò,   al   momento,   ad   illustrare   i   risultati   conseguiti   nel   corso   della   mia attività   di   RESPONSABILE   dell’UFFICIO   RELAZIONI   CON   IL   PUBBLICO né   i   riconoscimenti   ottenuti   nello   svolgimento   di   tale   ruolo   nell’arco   di   un quinquennio,   dal   1996   al   2001,   durante   il   quale   ho   dato   visibilità   e   lustro   a quella amministrazione di delinquenti.            Basti,   al   momento,   citare   la   cerimonia   di   presentazione   alla   cittadinanza   del CD-ROM    «SAN    SEVERO    2000»,    avvenuta    il    15    febbraio    2001,    con    ricco buffet   e   presentazione   eclatante   dell’allora   sindaco   Giuliano   Giuliani   il   quale   si sperticò   in   elogi   nei   confronti   del   Responsabile   dell’Ufficio   Relazioni   con   il pubblico   con   parole   e   concetti   tali   che   un   dipendente   [dott.   Vaccarella,   ndr.]   ebbe   modo,   il   giorno   seguente,   di   evidenziare   come   quelle   affermazioni   fossero «di   valenza   e   levatura   tale   da   essere   concepibili   solo   nel   caso   di   un   elogio funebre per un dipendente defunto». (sic!) .