Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 15 Maggio 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
      La   concomitante   prosecuzione   del   Progetto   Pass e   l’avvio   di   ulteriori   procedure   per   la   attivazione nell’ambito   dell’Urp   dello   Sportello   Unico   per   le imprese   comportavano   la   necessità   di   liberarmi del   lavoro   degli Assegni   per   il   nucleo   familiare   in quanto   questa   attività   correva   il   rischio   di   far perdere    la    « specificità    generalista »    dell’Ufficio Relazioni    con    il    pubblico;    d’altronde    l’avevo portata   avanti   nel   corso   dell’anno   precedente   in esecuzione   di   uno   specifico   progetto   terminato   a giugno    del    2000    e    solo    per    la    mancanza    di direttive   e   indicazioni   da   parte   della   cosidddetta «dirigenza»     avevo     accettato     di     ricevere     le domande   di   assegno   per   l’anno   2001   in   attesa   che fosse affidato ai Servizi Sociali.    Ma,   per   quanto   al   momento   non   ne   temessi   le conseguenze   -   né   avrei   mai   potuto   prevederle   o, addirittura,    ipotizzarle    -    commisi    tre    «errori»:      dei        primi    due,    senza    poterli    in    alcun    modo documentare,   posso   offrire   solo   la   testimonianza; il terzo lo documenterò a suo tempo.       Il   primo    lo   feci   quando   due   consiglieri   e   un assessore,   proprio   quel   Mauro   Riccioni   citato   col Boccaccio,          tutti     uomini     del     Caposiena,     si presentarono     nel     mio     ufficio     con     maniera camorristica    preannunciandomi,    pressappoco    e con   un   linguaggio   perentorio   teso   a   indimidirmi, che   era   finita   la   «pacchia»   e   che   dal   giorno   dopo il     mio     Ufficio     sarebbe     stato     posto     sotto     il controllo    di    uno    scagnozzo    dei    loro    che    vi    si sarebbe insediato. Ricordo   quasi   del   tutto   le   parole   con   le   quali   li apostrofai     e     senza     giurare     sulla     loro     esatta espressione, risposi:          « Signori   miei!   Questo   è   l’Ufficio   Relazioni   con   il pubblico   e   da   quando   è   nato   ho   sempre   ricevuto chiunque   con   buona   grazia   e   così   ho   fatto   ora   con voi.   Devo   soltanto   ricordarvi   che   nessun   assessore, consigliere    comunale    o    politico    qualsiasi    può disporre   della   mia   attività   se   non   il   dirigente   che ne   ha   la   funzione:   pertanto,   se   un   consigliere   o   un assessore   vuole   porre   in   atto   una   propria   iniziativa non    deve    far    altro    che    darne    comunicazione    al Sindaco   il   quale   ne   darà   indicazioni   al   dirigente preposto    e    solo    lui    potrà    impartirmi    ordini    o disposizioni… ».
Non   seppero   interloquire   in   alcun   modo   e   se   ci furono   minacce   non   le   ricordo   per   non   avervi dato peso e valore.          Il   secondo    errore   lo   commisi   per   il   senso   di responsabilità   -   di   cui   potrei   vantarmi   se   non avesse   dato   adito   e   occasione   ai   miei   persecutori di   approfittarne   -   quando   non   condivisi   l’invito di     Cologno,     ancora     Direttore     Generale,     a rimandare       tutte       le       pratiche       riguardanti l’assegno    per    il    nucleo    familiare    in    modo    da creare difficoltà all’amministrazione. Comprendevo   che   ciò   era   in   conseguenza   della contrapposizione   che   si   stava   armando   contro   di lui   e,   verbalmente,   rappresentai   la   questione   alla Capo   Ufficio   del   personale,   Carolina Tricarico,   e alla   dirigente   di   settore,      la   Silvana   Belmonte   proprio   lei,   la   dessa,   quella   fatta   dirigente   su   mia indicazione! )   dalle   quali   non   ricavai   alcunché   se non   la   loro   conversione   al   «sistema   Caposiena»   e la      conseguenziale      viscerale      avversione      nei confronti    di    Cologno    per    cui,    comprendendo come   i   «sorci»   stessero   abbandonando   la   nave (anzi   erano   già   in   acqua),   non   gli   affibbiai   le pratiche,   come   ero   stato   invitato   a   fare,   ma   mi limitai   a   sollecitare   un   incontro   con   i   dirigenti   di Settore,    la    Silvana    Belmonte    (sempre    lei,    la dessa!)      e      Alessandro      Vaccarella,      insieme all’assessore       ai       servizi       sociali,       Raffaele Bentivoglio;   incontro   o   «conferenza   di   servizio» come   si   chiamava   allora,   ottenuto   dopo   reiterate richieste      verbali,      durante      il      quale      tutti riconobbero    la    competenza    dei    Servizi    Sociali alla    trattazione    delle    pratiche    di    assegno    per l’anno   2001   e,   solo   per   senso   di   responsabilità   e per    evitare    loro    un    sovraccarico    di    lavoro, proposi    di    lasciare        all’    URP    la    liquidazione dell’assegno   per   l’anno   2000   di   cui   avevo   già   in corso l’istruttoria.       ERRORE   doppio   o   triplo:   non   aver   mollato tutto,   in   quanto   non   di   mia   competenza,   come da    indicazione    del    Direttore    generale;    essermi assunto   il   compito   per   le   pratiche   già   istruite; non   aver   chiesto   la   verbalizzazione   dell’incontro per    registrare    l’impegno    dei    due    dirigenti    e dell’assessore,    confidando    che    fossero    persone oneste e non dei buffoni!
E, invece, erano anche ignavi e omertosi, oltre che disonesti e buffoni!    E con nessuno interesse nei confronti dei cittadini e delle persone   in quanto non ne avevano per se stessi, come non ne ebbero dopo. Ripetiamone i nomi:
 Silvana Belmonte 
 Silvana Belmonte 
Raffaele Bentivoglio (silente e omertoso spettatore della nefanda prevaricazione)
Alessandro Vaccarella (omertoso e inutile spettatore della nefanda prevaricazione) e, dulcis in fundo,
Il  di questi omuncoli è senza accento! Solo una mancata ipotesi!
l’attiva e volenterosa carnefice, fedele e prona ai desiderata del Kapò-siena malavitoso