Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 15 Maggio 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
   Il   quadro   va   letto   da   destra   verso   sinistra:   re   Mida    (riconoscibile   dalle   orecchie   d'asino),   nelle   vesti   del   cattivo   giudice,   è seduto   sul   trono,   consigliato   da   Ignoranza    e   Sospetto ;   davanti   a   lui   sta   il   Livore    (cioè   il   "rancore"),   l'uomo   con   il cappuccio   nero,   coperto   di   stracci   che   tiene   per   il   braccio   la   Calunnia ,   donna   molto   bella,   che   si   fa   acconciare   i   capelli   da Insidia    e   Frode ,   mentre   trascina   a   terra   il   Calunniato    impotente   e   con   l'altra   mano   impugna   una   fiaccola   che   non   fa   luce, simbolo   della   falsa   conoscenza;   la   vecchia   sulla   sinistra   è   il   Rimorso    e   l'ultima   figura   di   donna   sempre   a   sinistra   è   la   Nuda Veritas , con lo sguardo rivolto al cielo, come a indicare l'unica vera fonte di giustizia. Non so se il mio fantasioso lettore riuscirà a identificare in questo quadro qualcuno dei personaggi che ho fin qui delineato. Mi   sembra   che   Fernando   Caposiena,   manovalanza   sordida   di   una   cattiva   politica,   sia   facilmente   identificabile   insieme   alla Silvana   Belmonte   da   questi   tenuta   per   un   braccio;   troppo   facile,   nel   re   Mida   con   le   orecchie   d’asino,   identificare   la Procura   di   Foggia   a   meno   di   dar   conto   delle   orecchie:   la   Curci   Rita   Pasqualina   e   la   Mancini,   quelle   di   sinistra,   e   i   giudici del   lavoro Andrea   Basta   e Vito   Francesco   Nettis   per   le   altre;   altri   restano   in   attesa   d’essere   identificati,   specie   il   Rimorso,   a meno   d’essersi   esaurito   con   la   morte   di   quello   che   mi   era   debitore,   quello   degli   encomi   e   quello   che   si   era   sottomesso,   per biechi interessi politici, a tradirmi, il già sindaco Giuliano Giuliani.
LA CALUNNIA di Sandro Botticelli (1445-1510) Data di realizzazione: 1496 - Dimensioni: 62 x 91 cm -  Galleria degli Uffizi, Firenze Quest’opera   fa   parte   dell’ultima   fase   della   produzione   di   Botticelli   (gli   anni   ottanta   del   Quattrocento),   caratterizzata   soprattutto   da   una   crisi   interiore   che   lo   portò   a   trasformare radicalmente   lo   stile   che   aveva   adottato   per   i   suoi   capolavori   più   celebri,   concentrandosi   su   forte   plasticismo   delle   figure,   un   chiaroscuro   più   deciso   e   forte   teatralità   nei   movimenti dei protagonisti delle sue opere.