Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 20 Maggio 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
      Certamente,   il   mio   edotto   e   consapevole   lettore   avrà   sentito   parlare   di   «diritti   inviolabili»   o   «diritti costituzionali» nonché di «obbligatorietà dell’azione penale». Lasci perdere! Non si illuda! Sono soltanto chiacchiere!          La   mia   denuncia,   presentata   ai   Carabinieri   di   San   Severo   e   alla   Procura   della   Repubblica   di   Foggia   a fine   giugno   2001,   fu   tenuta   a   bagnomaria   fino   a   sei   mesi   dopo   e   solo   nel   mese   di   gennaio   del   2002   fui chiamato dal Procuratore aggiunto per testimoniare. Poi, più nulla. Dire   «nulla»   sarebbe,   in   verità,   dire   il   falso   in   quanto,   come   accade   nei   casi   di   stupro,   la   Procura, nell’infame    tentativo    di    coprire    i    delinquenti,    incominciò    a    indagare    sulla    vittima,    spingendosi, addirittura,   in   data   13   maggio   2002   ad   affidare   ad   un   ignobile   sedicente   «luminare»,   il   prof.   Giancarlo Nivoli ,   di   cui   avrò   modo   di   parlare,   come   merita,   a   tempo   debito,   una   perizia   per   stabilire   « se   nella formulazione   della   diagnosi   siano   stati   rispettati   i   criteri   alla   base   della   responsabilità   professionale »   e appurare   le   condizioni   di   salute   della   vittima   perché   provedesse,   in   contumacia   del   periziato,   a   trovare   il modo   di   difendere   i   due   medici   incrementando,   così,   insieme   alle   spese   giudiziarie,   il   numero   degli «amici di merenda». Fallito   lo   scopo   (a   spese   di   chi?   sarebbe   da   chiedersi),   la   Procura   di   Foggia   non   seppe   trovare   altro sistema   che   insabbiare   il   caso   alla   faccia   dell’evidente   «STUPRO   COSTITUZIONALE»   e,   in   particolare, dell’art.   2,   4   e,   oltre   questi,   dell’art.   32   della   Costituzione   con   il   conseguente   rinvio   alla   legge   180   del, guarda   caso,   13   maggio   1978   e   alla   faccia   di   Franco   Basaglia   di   cui   oggi   si   festeggia   la   memoria   e   di   ogni civile    vivere    sociale,    come    il    mio    avveduto    lettore    avrà    potuto    evincere    dalla    lettura    delle    pagine precedenti e come meglio si comprenderà dalla lettura del racconto che ne farò nella seconda parte,    Cosa   abbastanza   grave   per   quei   Magistrati   che,   presumo,   per   svolgere   il   loro   incarico   dovranno   aver giurato   sulla   CARTA   COSTITUZIONALE   ma   che,   a   quanto   pare,   dovevano   servirsene   solo   per   andare in bagno! [Se il mio lettore non l’avesse a mente, potrà rivedere lo stralcio delle norme sopra richiamate cliccando sul seguente rinvio.]         Nel   frattempo,   forse   sempre   per   mancanza   di   carta,   rimasero   a   bagno maria    anche   le   ulteriori   sedici denunce   con   le   quali   ero   andato,   via   via,   informando   i   Carabinieri   di   San   Severo   e   la   Procura   di   Foggia dei   soprusi,   delle   prevaricazioni,   nefandezze   e   illegalità   di   cui   venivo   fatto   oggetto   dalla   Associazione   a delinquere   che   governava   e   -   visto   che   il   verme   è   sempre   lì   presente    -   che   governa   il   comune   di   san   severo, forte   della   propria   immunità   nella   latitanza   dei   tutori   dell’ordine   e   della   Legge   e   del   confortante   e connivente silenzio della cittadinanza e della stampa.          Nel   frattempo,   per   sfuggire   al   peso   quotidiano   della   ostracizzazione   alla   quale   ero   sottoposto,   che   mi vedeva   esentato   da   qualsiasi   attività   lavorativa   e   costretto   a   «bighellonare»   tra   il   corridoio   e   la   piazza antistante   il   covo   dei   filibustieri   nella   indifferenza   totale   dei   colleghi,   della   cittadinanza   e   delle   Autorità civili   e   religiose   di   quella   repubblica   delle   Banane,   nonché   dei   vari   Enti   e   Istituzioni   dello   Stato   che   avevo più   volte,   e   sempre   inutilmente   invocate   ad   intervenire,   ero   costretto   a   ricorrere   al   Centro   di   Medicina Sociale   di   Foggia   in   regime   di   day   hospital   e,   finito   il   periodo   di   comporto,   a   pormi   in   aspettativa   con   la perdita    percentuale    degli    emolumenti    che    mi    venivano    comunque    corrisposti    e,    infine,    a    pormi    in aspettativa senza assegni.        Il   richiesto   e   sollecitato   intervento   del   Presidente   della   Repubblica,   Carlo Azeglio   Ciampi,   che   alla   fine del   2004   aveva   «costretto»   la   oziosa,   inetta   e   complice   Procura   di   Foggia   a   iscrivere   nel   registro   degli indagati    i    malviventi,    non    servì    tuttavia    a    risolverne    la    inerte    complicità    continuando    questa    a perpetuarsi   attraverso   inutili   e   inconsistenti   «indagini   suppletive»   richieste   da   parte   dei   sei   o   sette Giudici    per    le    indagini    preliminari    che    si    avvicendarono,    via    via,    negli    anni    mentre    la    Procura continuava   imperterrita   a   richiedere   il   non   luogo   a   procedere   nei   confronti   dei   delinquenti   di   cui   aveva assunto   il   patrocinio   e   la   tutela   e,   addirittura   a   depennare   dal   procedimento   due   dei   denunciati:   la «Elena»   di   Troia   (poca   cosa,   vista   la   miseria   morale   della   persona   che   si   era   prestata   a   far   da   esca)   e   il Sacco   Ciro,   comandante   de   vigili   urbani   del   comune   delle   bananas,   quello   del   «sotto   il   vestito   niente», sgherro    ignobile    della   Associazione    a    delinquere    comunale    ed    esecutore    materiale    del    premeditato sopruso   a   cui,   sporcando   la   divisa   col   flusso   delle   proprie   escrezioni   viscerali,   si   era   -   contra   legem   -     volenterosamente prestato.      La   lunga,   quanto   calcolata,   gestazione   delle   indagini,   dopo   i   fatui   e   inconsistenti   rinvii   serviti   solo   ad insabbiare   il   caso,   partorì,   alla   fine,   il   mostruoso   prodotto   gestito   con   diabolica   premeditazione   dalla Procura   di   Foggia   e   di   cui,   nell’udienza   del   6   Aprile   2006,   la   dott.ssa   Curci   Rita   Pasqualina,   nella   sua veste   di   GUP   (Giudice   udienza   preliminare),   si   fece   farneticante   maieutica   dando   alla   luce   una   sentenza che,   per   le   sue   illazioni   aberranti   in   barba   al   diritto   materiale   e   ai   diritti   personali   irrinunciabili   e costituzionalmente tutelati, più che essere partorita, potrebbe dirsi «vomitata» dalla stessa.          Due   sentenze   di   Cassazione   hanno,   poi,   evidenziato   -   senza,   tuttavia,   punirla   -   l’aberrante      mostruosità di   tale   sentenza   che   basta   ostentarla   per   verificare   quanto   estese   siano   le   metastasi   originate   dal   solo bacillo infettivo da me già ben individuato. Resta    da    meravigliarsi    come    una    simile    nequizia,    qual    potrebbe    sembrare    il    Caposiena    Fernando, piccolo   pusher   di   voti   per   politicanti   più   importanti   e   «piazzati»,   sia   capace,   attraverso   ineffabili   canali, a    collegarsi    e    potenziarsi    fino    ad    avere    la    capacità    di    influenza    sull’Arma    dei    Carabinieri    (due marescialli   sostituiti   per   lasciarne,   poi,   la   cura   a   un   terzo:   il   più   imbecille   o   il   più   saggio?);   sulla   Procura di   Foggia   (affidandone   la   cura   ad   una   sostituta   che   andò   presto   in   aspettativa   per   maternità   e   poi facendo   palla-a-mano   tra   cinque   o   sei   procuratori   aggiunti);   sul   Giudice   per   l’udienza   preliminare (impedendo   un   dibattimento   processuale   che   avrebbe   dovuto   tener   conto   di   tutta   la   documentazione   che la    Procura    di    Foggia    aveva    insabbiato,    e    assicurando,    comunque,    ai    delinquenti    acclarati    la    non applicabilità   della   pena   che   meritavano)   e,   infine,   sulla   stessa   Procura   Generale   di   Bari,   per   non   citare ancora   le   «in-civili»   sentenze   del   Giudice   del   Lavoro   di   Foggia   e   di Appello   di   Bari   le   cui   contraddizioni   e illogicità si segnalano alla stregua di una aperta dichiarazione di complicità !!!
SI OFFENDE QUALCUNO SE CHIAMO TUTTO QUESTO MAFIA?