Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 12 Giugno 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
   E   mafia   è   stato   il   silenzio    che   ha   fatto   da   coro   alla   persecuzione   indefessa,   incalzante   con   la   quale   si   è   attentato   alla   mia dignità   personale   e   ai   miei   diritti   nel   tentativo   di   fiaccare   la   mia   resistenza.   Per   quanto   abbia   reagito   sul   piano   personale   e   rintuzzato   ogni singola   illegalità   e   azione   prevaricatoria   nei   miei   confronti,   facendomi   beffe   di   dirigenti   mercenari   e   farabutti   e   mettendo   alla   berlina   una intera   amministrazione   e   classe   politica,   la   omertosa   connivenza   delle   forze   dell’ordine   e   della   magistratura   a   cui   mi   ero   rivolto   per   ottenere giustizia   non   ha   impedito   il   concretarsi   di   una   serie   di   azioni   criminali   e   atti   illegittimi   protrattasi   nel   tempo   contro   la   mia   persona   e   a lesione dei miei diritti fondamentali.          Eppure,   anche   nei   momenti   più   bui   del   disdoro   e   della   mortificazione,   non   è   mai   venuta   meno   l’aspettativa   di   una   vittoria   finale:   troppo assurdo,   incredibile   e   certamente   inusitato   e   del   tutto   fuori   da   ogni   norma   di   legge   tutta   la   vicenda   perché   potesse   concludersi   a   sfavore della   vittima;   occorreva   solo   resistere   e,   resistendo,   attaccare   di   petto   i   responsabili   e   i   volenterosi   carnefici   che   vi   si   prestavano.   Era   una battaglia   epica   di   un   uomo   solo   contro   un   sistema   che   vedeva   irretiti   i   colleghi,   i   rappresentanti   sindacali,   tutta   la   dirigenza,   tutti   i   partiti, un’intera   comunità   inebetita,   indifferente,   inzombita!   E,   poi,   accorgersi   che   la   medesima   apatia   pervadeva   anche   chi   avrebbe   dovuto rendergli   giustizia   per   cui   quella   frase:   « Se   vuole   risolvere   il   suo   caso   e   avere   giustizia,   vada   in   televisione! »   era   il   segno   di   essere accerchiato da ogni lato e che solo dall’«esterno» poteva attendersi aiuto.          Per   questo   avevo   scritto   quelle   lettere   ai   giornali,   per   ben   tre   volte   -   o   quattro?   -   in   quegli   anni   spinto   dal   senso   di   dovere   che   mi   imponeva di   emergere   dalla   apatia   da   cui   venivo   colto   nel   corso   di   quella   lotta   senza   fine,   apparentemente   inutile   e   perdente,   in   attesa   che   facesse   il suo corso la giustizia. Dovrei   confessare,   e   il   mio   lettore   avrà   quel   tanto   di   sensibilità   da   comprendermi,   che,   forse,   più   che   dal   senso   di   dovere   ero   mosso   dal senso   di   colpa   che   mi   derivava   dalla   desistenza   da   cui,   di   tanto   in   tanto,   mi   lasciavo   irretire   quando   tentavo   di   allontanare   da   me quell’amaro   calice.   E,   allora,   ecco   la   penna,   la   matita,   il   computer   ed   eccomi   a   scrivere   per   sfogare   l’amarezza,   per   chiedere   aiuto,   per esporre   la   vergogna   di   chi   non   aveva   orecchie   per   sentire.   Tutti   a   parlare   dei   furbetti   del   cartellino,   televisione   e   stampa,   a   gridare   alla vergogna   di   quelli   che   rubavano   allo   Stato   lo   stipendio   per   essersi   fatto   timbrare   il   cartellino,   mentre   io   che   denunciavo   di   non   essere   stato adibito   ad   alcuna   attività   per   sei   anni   e   mezzo ,   prendendo   lo   stipendio   e   persino   lo   straordinario,   restavo   inascoltato   solo   perché   non   ero   un furbetto, capace di adeguarsi all’andazzo o piegare il capo allo strapotere mafioso della politica.       Eppure   scrivevo   e   il   silenzio   che   ne   seguiva   se,   da   una   parte,   mi   umiliava   e   rendeva   il   mio   isolamento   più   acclarato   di   prima,   dall’altra rendeva   talmente   inverosimile   la   mia   condizione   da   farmela   vivere   come   un   incubo,   un   film   di   fantascienza,   un   romanzo   orwelliano,   ed   io, solitario eroe, a combattere ancora, anche dopo sconfitto. Quando   la   raccontavo   a   qualcuno   non   risultavo   credibile.   Venivo   preso   per   pazzo   dal   medico   del   reparto   perché,   secondo   lui,   non   era possibile   che   una   amministrazione   pubblica   potesse…   e   che   ha   detto   il   giudice   del   lavoro,   uno   di   quegli,   pari   sono,   imbecilli?   Che   per quanto riguardava l’accusa che non ero adibito ad alcuna attività era in fin dei conti colpa mia in quanto ero io a rifiutarmene! (sic) Eppure scrivevo! Quante volte ho ripreso questo sito! Con quanta fiducia avevo scritto a Michele Emiliano, il presidente della Regione Puglia! Ne   avevo   tanta   stima   da   volermi   proporre   come   suo   supporter,   da   sognare   che   potesse   assumere   un   ruolo   nella   disfida   con   Renzi,   da   vederlo come   campione   di   un   nuovo   risorgimento   per   poi   scoprirne   l’ipocrisia,   la   mancanza   di   senso   civico,   il   disinteresse   alle   persone   e   al   sociale; la   squallida   e   volgare   normalità   della   politica   senza   parlare   della   sua   incapacità,   o   inettitudine   che   sia,   a   fare   eco   alla   mia   seconda   lettera con   la   sicumera   che,   come   diceva   l’architetto   di   Milano,   «…tanto   a   te   non   ti   sente   nessuno!».   Vorrei   vedere   la   sua   faccia   se   qualcuno   gliela leggesse sul muso e poi gli chiedesse se non meritasse risposta una lettera simile! L’ignavo   fellone   può   contare   anche   su   qualche   amico   (di   cosca?)   che   ne   pubblicizzava   la   magnanimità,   ma   ha   cestinato   le   mie   due   lettere sul sito di un «libero» giornale. Giornalisti vil razza dannata, verrebbe di dire!