Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 12 Giugno 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
segue…
     Eppure ho provato e tutte le cose che ho fatto le ho fatte per non dovermi pentire di non averle fatte.      Le ho fatte per dire: ci ho provato! Non mi sono tirato indietro, non mi sono arreso! Quello   che   non   mi   ha   fatto   soccombere   sotto   il   peso   del   mio   smarrimento,   come   accaduto   a   gennaio   e   fino   alla   ripresa   di   queste   pagine,   è una   profonda,   infinita   e   fondamentale   speranza   che   tutta   questa   vicenda   che   racconto,   per   la   sua   ampiezza,   per   la   eclatante   ingiustizia   che rappresenta   e   per   l’unanimità   del   consenso   e   del   silenzio   che   vi   aderisce,   si   sublima   in   mito,   in   archètipo   che   trascende   il   caso   singolo,   si   fa emblema di altro, manifestazione di una malattia. Ma   dài!   Orsù!   Non   vorrai   dire   che   un’intera   comunità   di   dipendenti,   amministratori   di   diverse   idee   politiche,   carabinieri,   società   civile, magistrati… tutti alleati contro di te in un sodalizio dal carattere piuttosto fantascientifico!? Mi dia qualcuno una spiegazione, allora.          Il   Gup   assolve   i   delinquenti   in   quanto   non   si   può   dire   che   il   «ricorrente»   sia   veramente   sano   di   mente.   Nel   dubbio   si   assolve   e   non   vale   che a   sostenerlo   e   a   certificarlo   sia   un   medico   che   attesta   di   averlo   visitato   e   di   aver   seguito   la   procedura   richiesta   dalla   legge   per   cui,   rifiutato   il ‘volontario’,   ne   stabiliva   il   ricovero   ‘coatto’   con   la   presenza   delle   forze   dell’ordine   con   una   diagnosi   a   lui   del   tutto   sconosciuta. Attestazione falsa, e basta! Basta! BASTA! BASTAVA al giudice BASTA ma non gli è BASTAta al BASTArdo!!! E chi gliel’ha suggerita la diagnosi? Ma il medico del Cim che doveva fare la convalida. Perché è lui che lo ha visitato? No. E, al medico del Cim, chi gli ha suggerito la diagnosi? Ma   i   funzionari   del   Comune!   risponde   l’impavido   gaglioffo   rispondente   al   nome   di   Carafa   Fernando ,   il   traditore   d’Ippocrate   e   del   genere umano, quello che vale meno di ciò che evacua!.                      Ebbene?   Certificazione   falsa,   ordinanza   falsa.   diritti   negati,   legge   calpestata, principi   fondamentali   irrisi   e   ignorati,   un   bestia   di   psichiatra   il   Prof.’   Giancarlo Nivoli     che,    per    la    coprocrazia    che    li    accomuna ,    stabilisce    la    correttezza    del comportamento   del   Fernando   Carafa    e   tanto   basta   al   giudice   Curci   Rita   Pasqualina , come   come   se   avesse   diagnosticato   una   falsa   diarrea   a   un   dipendente   assenteista, per   cavare   gli   occhi   alla   Giustizia   facendosi   partecipe,   dopo   esserne   stata   agevolata l’attuazione   da   parte   della   Procura   di   Foggia ,   dell’ignobile   stupro   di   gruppo    alla Costituzione.             Se   le   sentenze   fanno   giurisprudenza,   arguisco   che   da   oggi   in   poi   nessun   medico   potrà   essere   più   condannato   per   un   certificato   compiacente a un dipendente fannullone!             E,   pensi   il   mio   solingo   lettore   che   effetto   può   fare   una   simile   sentenza   sui   pavidi   abitanti   del   Comune   delle   bananas!   E   sulla   omertosa   e ingrata cosiddetta «intellighenzia» cittadina che avevo ‘blasonato’ con l’inserimento di loro opere nel CD-Rom «San Severo 2000»! Non   dico,   poi,   dei   dipendenti   del   Comune!   Già,   anni   prima,   qualcuno,   nel   camerone,   zittiva   un   collega   con   l’affermazione:   ‘Stai   attento,   se no fai la fine di Macchiarola’. Non parlo, poi, della gioia dei colleghi invidiosi! Né degli ignavi che hanno pensato: Hai visto che succede a non piegarsi a chi comanda? .