Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 13 Giugno 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
            Ma   a   che   vale   ancora   ragionarci   visto   che   un   giudice   ha   stabilito   che,   volendo   rimuoverlo   dalla   sua   funzione,   anziché   ucciderlo, licenziarlo,   denunciarlo…   hanno   SEMPLICEMENTE   deciso   per   un   TSO…   come   normalmente   e   a   suo   parere   è   in   uso   nella   pubblica amministrazione   per   poi,   privato   del   suo   ruolo,   disporre   la   cancellazione   dalla   Pianta   Organica   dell’Ufficio   Relazioni   con   il   pubblico   e, addirittura   il   depennamento   della   sua   presenza   dalla   Pianta   Organica   del   Comune,   dando   corso   ad   una   serie   di   iniziative   e   di   provvedimenti del   tutto   illegali,   nonché   di   azioni   volte   al   suo   isolamento   dal   contesto   lavorativo,   al   fine   di   fiaccarne   la   resistenza   e,   in   ogni   caso,   di umiliarlo tenendolo fuori da ogni attività lavorativa.    Che   poi   tutto   questo   fosse   stato   avviato   con   una   certificazione   medica   falsa,   con   una   ordinanza   del   sindaco   firmata   in   bianco,   ed   eseguito calpestando   tutte   le   garanzie   richieste   dalla   legge   180,   attirandolo,   dopo   paziente   ore   di   attesa,   in   una   trappola   senza   alcuna   delle   garanzie assicurate   dalla   legge,   anzi   con   la   espressa   negazione   di   esse,   non   era   bastato   alla   CURCI   RITA   PASQUALINA   per   ravvisare   qualche   reato da parte degli imputati per essere tutta improntata, la sentenza, sulla vittima.          Nulla   da   dirsi   poi   delle   diciotto   ulteriori   denunce   presentate   per   evidenziare,   in   prosecuzione   di   reato,   le   prevaricazioni   che   ho   dovuto subire   fino   al   2004,   per   quanto   ne   abbia   messo   in   luce   e   dimostrato   la   insussistenza   o   illegalità   per   la   discordanza,   di   volta   in   volta,      con   il Regolamento del personale. con il Contratto nazionale e con la legge. Tanto   era   assurda   quella   prevaricazione   che   si   andava   pepetrando   da   parte   di   una   pubblica   amministrazione   che,   per   quanto   rispondessi   a viso   aperto   agli   ordini   di   servizio   e   ai   trasferimenti   capotici,   tanto   da   non   osservarne   nessuno,   mettendo   in   ridicolo   i   loro   addebiti   e consentendomi   un   linguaggio   ampiamente   offensivo   e   ingiurioso   nei   confronti   della   amministrazione   comunale,   di   amministratori   e   di dirigenti prezzolati, pur tuttavia non vi ho mai ricevuto risposta o l’avvio di un procedimento disciplinare. Eppure   le   mie   lettere   erano   pubblicate   su   IL   CAMPANILE   e   vi   davo   diffusione   con   il   volantinaggio   che   avevo   occasione   di   fare,   tanto   da chiedere   a   Cologno   -   tornato   Direttore   Generale   ( ben   sapete   cosa   galleggia   più   di   altro )   -   come   mai   non   si   prendessero   provvedimenti «seri»   contro   di   me   per   aver   chiamato   verme   e   mafioso   un   assessore   e   chiamata   venduta   una   dirigente   «donna»   e   senza   risparmiare   il sindaco,   «quello   che   nega   di   essere   se   stesso!»,   la   intera   giunta   e   i   singoli   assessori…   senza   che   mai   ,   tuttavia,   mi   fosse   elevato   un   addebito a proposito o un rimprovero.      Solo   per   inciso,   quando   qualcuno   mi   disse,   per   la   prima   volta,   che   ero   vittima   di   «mobbing»   io,   che   ne   avevo   una   informazione superficiale,   mi   dichiarai   in   disaccordo   con   tale   identificazione   in   quanto   la   reattività   del   mio   comportamento   mi   salvaguardava   dalla depressione   collegata   alla   azione   subita…   e,   in   ogni   caso,   la   mia   era   una   battaglia   di   LEGALITA’   con   la   denuncia   di   un   sopruso,   il   TSO,   e degli altri che erano seguiti, trasferimenti, addebiti disciplinari per i quali invocavo la Magistratura, non il medico. Non    so    se    il    silenzio    rientrasse    nella    strategia    mobbizzante,    quanto    meno    per    gli    effetti    che    poteva    avere    sulla    psicologia    di    un «provocatore»   come,   forse,   venivo   inteso   oppure   se   fosse   da   attribuire   al   timore   che   una   azione   oltre   la   sfera   amministrativa   nei   miei riguardi, li esponesse al confronto.
In ogni caso, il silenzio è stato sempre l’unica risposta ricevuta!
           Maria   Florio   (la   collega,   ‘la   stronza’ ,   che   ha   dato   occasione   ad   un   giudice   di   citarla   per   l’affermazione   che   «ero   un   tipo   che   si arrabbiava»;   lei   che   mi   rimproverava,   tra   l’altro,   della   mia   ‘troppa’   pazienza   con   i   miei   clienti!)   rispondeva   alla   stessa   domanda dicendo: Hanno paura! Ma   io   rispondevo:   Ma   come?   Mi   fanno   un   addebbito   per   un   certificato   medico   presentato,   ricostruiscono   i   fogli   di   presenza   per tendermi   un   tranello   per   un   addebito   e   poi   non   dicono   niente   se   chiamo   un   assessore   verme   e   mafioso,   una   dirigente   prostituta,   il sindaco e la giunta una mansada e il comune una Repubblica delle bananas, anche se ne dò pubblicità con i volantini o sul giornale?! Il   medesimo   silenzio    che   adesso   fa   eco   alle   lettere   inviate a   Francesco   Miglio    e   a   Michele   Emiliano ,   nonostante   il linguaggio    che    uso    nei    loro    confronti    pur    su questo   sito,   come   nei   confronti   degli   amici di    merenda,    i    due    ignobili    disgraziati iscritti   all’Ordine   dei   Medici(!),   per   non parlar   degli   altri   che   son   troppi   in   quanto « IL LORO NOME E’ LEGIONE! » .   
segue…