Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
sanseveropuntoit, 14 Giugno 2018  
RICAPITOLIAMO I FATTI   
               Ma   quanto   più   la   faccenda   diventava   assurda   e   kafkiana,   man   mano   che   si   dipanava,   non   per   questo   veniva   meno   la   certezza   che   ne sarei   uscito   vincitore   in   quanto   si   configurava   del   tutto   surreale   come   una   realtà   siffatta   potesse   reggersi   e   realizzarsi   senza   liquefarsi   alla valutazione   del   più   elementare   raziocinio,   qualità   che   non   si   poteva   certamente   pretendere   dai   colleghi   intimoriti   e   vili,   dai   dirigenti prezzolati   e   ignavi   o      dagli   amministratori,   asserviti   alla   logica   del   potere   politico   nella   gestione   mafiosa   di   quella   repubblica   delle Bananas.    Certezza   che   poi,   nei   momenti   più   bui,   si   trasformava   in   ‘speranza’   con   la   convinzione   che   non   fosse   possibile   perdere   una   battaglia   contro l’ingiustizia,   il   sopruso,   la   prevaricazione   più   plateale:   occorreva   solo   tener   duro   ed   aspettare,   senza   mai   demordere,   senza   mai   perdere   la speranza   con   la   certezza,   quanto   meno,   che,   se   pure   risultassi   perdente,   non   per   questo   sarebbe   stato   inutile   perseverare   nella   mia   battagli   in difesa dei miei diritti e della mia dignità di persona in quanto, se mi fossi arreso, ne avrei accettato e condiviso il calpestamento.          E,   poi,   non   è   forse   vero   che   quando   sembra   che   nessuno   più   crede   a   certi   valori,   è   proprio   allora   che   bisogna   battersi   per   essi?   E   la   difesa della   dignità   della   mia   persona,   della   mia   professionalità   e   del   mio   diritto   alla   funzione   contro   il   delinquenziale   sopruso   della   Pubblica Amministrazione   di   uno   Stato   democratico,   e   dello   stesso   Stato   attraverso   i   subdoli   sacerdoti   di   un   Suo   Organo   Costituzionale , poteva mai dipendere dalla certezza o dalla probabilità di uscirne vittorioso? Anzi,   più   andavo   constatando   l’ampiezza   del   giro   mafioso   in   cui   ero   invischiato;      più   verificavo   la   mia   solitudine   e   la   mancanza   di   risposta ai   miei   appelli   istituzionali;   più   diventava   incredibile,   se   non   inverosimile,   la   mia   storia   quando   la   raccontavo,   tanto   più   mi   sentivo chiamato   ad   un   compito   mitico   e   la   vicenda   mi   si   andava   rappresentando,   di   volta   in   volta,   come   una   storia   fantascientifica,   una   storia surreale,   un   racconto   kafkiano,   assumendo   una   valenza   che,   trascendendo   la   mia   individualità,   si   figurava   come   l’epica   lotta   globale   di   una singola   persona   contro   l’inciviltà,   il   sopruso,   l’ingiustizia   e   contro   l’assuefazione   generale   a   quello   stato   delle   cose   da   parte   di   chi   mi circondava.          Una   sublime,   abissale,   metafisica   solitudine   che   mi   ha   portato   a   volte   a   vivere   con   orgoglio   questa   mia   specificità,   come   un   uomo chiamato a rappresentare un argine, un contrasto a un intero sistema oppressivo, solo contro tutti, come in certi film americani. ( Mi   viene   ora   da   ridere   quando   ripenso   al   momento   in   cui   ho   incitato   la   «moglie   di   Giovanni»   a   farsi   partecipe   della   mia   battaglia,   come   in   quei   vecchi   film alla   Frank   Kapra,   in   cui   una   giovane   avvocato   porta   alla   vittoria   una   battaglia   a   difesa   dei   diritti   calpestati   di   un   dipendente   pubblico   ingiustamente perseguitato.)       Riandando   con   la   mente   a   questi   diciassette   anni,   mi   rendo   comunque   conto   come   non   sia   la   prima   volta   che   faccio   esperienza   di   momenti difficili   come   quelli   vissuti   da   gennaio   fino   a   quando,   vincendo   la   mia   stanchezza,   la   mia   abulia   e   il   mio   risentimento,   ho   rimesso   mano   a questo   sito.   Ma,   anche   nei   momenti   più   bui,   ho   sempre   vissuto   l’attesa   di   una   palingenesi   finale   che   rimettesse   in   ordine   le   cose   per   cui   non ho mai smesso di credere in un redde rationem finale, nell’apoteosi della verità e della giustizia e, in fin dei conti, di sperare. E non è forse la speranza proprio delle cose impossibili?       Per   ora   non   mi   resta   che   tornare   all’impegno   di   pubblicare   e   rendere   disponibile   e   visibile   su   questo   sito   tutta   la   documentazione   che testimonia   questa   persecuzione   incredibile   e   l’obbrobrio   incivile   di   una   intera   città   per   denunciare   e   additare   al   ludibrio   quelli   che   se   ne sono   fatti   autori   e   chi   se   n’è   fatto   parte   volenterosa,   i   giudici   che   si   son   resi   complici   e   quanti,   omertosi   e   vili   spettatori,   hanno   consentito nel   tempo   la   perpetrazione   di   questa   ignominia   e,   nel   ricordare   la   premessa   di   questo   sito,   di   estendere   la   mia   speranza,oltre   questa   ignava generazione di zombi senza spirito.          Ora   che   non   posso   più   agire   per   via   giudiziaria   e   ogni   altra   strada   sembra   preclusa,   posso   solo   sperare   che   sia   questo   sito   a   favorire   la possibilità   che   la   palingenesi   accada,   che   arrivi   alla   fine   del   film   il   poliziotto   buono   e,   quanto   tutto   sembra   perduto   e   senza   vie   d’uscita,   che scenda il deus ex machina , che accada il miracolo, che qualcuno ne parli, che qualcuno mi denunci, che qualcuno si indigni… Questa speranza mi tiene tutt’ora compagnia e questo sito ne fa testimonianza nnnn
segue…