Se   pure   il   mio   affezionato   lettore   avesse   ancora   ansia   di   conoscere   gli   incredibili   particolari   della   persecuzione   di   cui sono   stato   vittima   e   di   cui   nella   Premessa   mi   ero   impegnato   a   dare   testimonianza   nella   fiducia   di   un   giudizio   di   condanna da   parte   di   “generazioni   future”,   sento   la   necessità    -   visto   il   lasso   di   tempo   trascorso   dall’ultima   volta   che   vi   ho   posto mano   -    di   dar   conto   delle   ragioni   del   mancato   aggiornamento   di   questo   sito ,   essenzialmente   dovuto   alla   indisponibilità, almeno   fino   allo   scorso   mese   di   ottobre,   di   un   collegamento   internet,   e   alle   novità,   successivamente   intervenute,   che   mi hanno distratto dal mio impegno e delle quali ritengo opportuno far partecipe il mio unico e fedele lettore.             Già   all’epoca   dell’ultimo   aggiornamento,   risalente   alla   fine   di   aprile   dello   scorso   anno,   ero   consapevole   della    sentenza con   la   quale   il   giudice   di   secondo   grado,   confermando   la   sentenza   impugnata,   aveva   rigettato   il   mio   ricorso   in Appello   per cui   eravamo   rimasti   d’accordo   con   l’avvocato   di   Foggia   che   per   decidere   del   ricorso   per   Cassazione   occorreva   attendere   la pubblicazione   della   sentenza,   della   qual   cosa,   avendogli   preannunciato   la   mia   difficoltà   ad   accedere   alla   rete,   mi   avrebbe informato telefonicamente appena fosse avvenuta.            Fu,   quindi,   solo   nello   scorso   mese   di   ottobre   che,   avendo   avuto   modo   di   accedere   alla   mia   casella   di   posta   elettronica, appresi,   con   fastidio   e   dispetto,   che   la   sentenza   era   stata   pubblicata   già   nel   mese   di   giugno…   senza   che   l’avvocato   avesse provveduto a darmene il tempestivo avviso a cui si era impegnato.   Ancora   di   più   fui   sconcertato   quando,   avendolo   contattato   al   telefono,   non   mi   dette   nemmeno   la   possibilità   di   esprimergli   il mio   disappunto   venendo   anticipato   dalla   sua   dichiarazione   di   indisponibilità    a   seguire   ulteriormente   la   causa   in   quanto,   a suo   parere,   « non   c’erano   i   motivi   per   ricorrere »   e,   a   suo   dire:   « la   situazione   è   cristallizzata »;   che   dovevo   ritenermi compensato   con   quanto   mi   era   già   stato   riconosciuto   dalla   sentenza   del   giudice   del   lavoro   di   primo   grado   confermata,   del resto,   da   quella   di Appello;   che   io   avevo   fatto:   « tutto   quello   che   (si)   poteva   fare »…   e   che,   comunque,   non   era   disponibile   a continuare ad assistermi! Certamente   fu   la   maniera   perentoria   della   sua   conclusione,   che   aveva   tutto   il   sapore   di   una   premessa,   a   farmi   leggere   in quel   comportamento   inaspettato   l’effetto   di   una   intimidazione   subita   dall’esterno…   la   lunga   ombra   di   quel   potere mafioso   che   si   era   estesa   oltre   i   confini   provinciali   aveva   ora   raggiunto   anche   l’avvocato   come,   pur   senza   riuscirvi,   aveva tentato di estendersi in occasione della seconda udienza del Tribunale d’Appello penale? Ma   non   correvo   il   rischio   in   tal   modo   di   rientrare   in   un   quadro   psicotico,   credendo   a   congiure   e   complotti   di   cui   non trovavo immune nessuno?          Ero,   comunque,   sopraffatto   dalla   constatazione   di   quella   chiusura   a   cui   non   c’era   modo   di   rimediare   per   cui,   inebetito dalla   inaspettata   svolta   che   mi   sottraeva   ogni   possibilità   di   seguitare   nella   battaglia   per   tanto   tempo   sostenuta   con   la convinzione   che   alla   fine   sarebbe   stata   resa   giustizia   alla   Verità,   non   trovai   altro   da   dirgli   che   se   da   una   parte   mi   spiaceva dover   demordere   dalla   mia   lotta,   dall’altra   mi   sentivo   liberato   da   quel   peso   in   quanto   mi   restituiva   la   libertà   di   dedicarmi esclusivamente   ai   miei   interessi…   alla   poesia,   alla   mia   biblioteca   digitale,   alla   mia   raccolta   di   musica   classica,   (al   mio romanzo)…   arrivando      perfino   a   dirgli   che,   in   fin   dei   conti,   in   tutti   quegli   anni   mi   ero   anche   «divertito»…   e   che   fosse   vero, almeno per il periodo in cui ero ancora «in servizio» fino a tutto il 2007, non c’erano dubbi. Diverso è trovarsi a sbattere contro la porta chiusa della Giustizia!            Ma   sì,   continuava   a   ricordarmi   l’avvocato ,   lei   deve   essere   ben   contento   di   quanto   ha   ottenuto.   Il   Comune   è   stato condannato   a   risarcirla   in   sede   civile,   con   la   sentenza   di   primo   grado,   e   i   responsabili   sono   stati   riconosciuti   colpevoli   in sede penale.   E   questo   poteva,   in   effetti,      essere   abbastanza   consolatorio   e   fungere   da   soporifero   per   un   ardente   spirito,   tanto   che   dopo   un mese    da    questa    telefonata    ero    riuscito    a    non    pensarci    più    tornando    agli    interessi    più    piacevoli    in    cui    è    assorbita normalmente la mia quotidianità.          Non   posso   comunque   tacere   che   il   suo   fare   frettoloso,   unito   al   mancato   impegno   di   preavvisarmi   della   pubblicazione della   sentenza,   insieme   al   fatto   che   non   avevo   altra   possibilità   e   non   c’erano   le   condizioni   per   potermi   rivolgere   ad   altri,   mi offrirono l’alibi mentale per vivermi quietamente quella sconfitta, almeno nei primi giorni. Non era colpa mia se ero costretto dai fatti a desistere dal mio impegno…          Poi,   dopo   qualche   settimana,   cominciò   a   crescere   un’ansia   sottile   che   mi   faceva   tornare   in   mente   la   questione   e,   infine,   il sospetto   che   fosse   la   mia   infingardaggine   la   vera   ragione   della   mia   facile   resa:   potevo   farmi   due   o   trecento   chilometri   per arrivare   a   Foggia,   prendere   tutto   il   fascicolo   e   poi   cercare   un   avvocato…   soluzione   abbastanza   ardua   se   non   azzardata… oppure   cercare   un   avvocato   lì,   dov’ero,   e   chiedere   consiglio   sul   da   farsi   e,   se   nel   caso,   andare   dopo   a   Foggia   per   ritirare   il fascicolo da fargli valutare. Si trattava soltanto di fare un ricorso per Cassazione contro la sentenza di Appello…          Feci   addirittura   una   riccerca   su   internet   e   nell’albo   degli   avvocati   di   Foggia   e   poi   tra   gli   avvocati   dei   vari   comuni   limitrofi alla   ricerca   di   un   nome   che   mi   ricordasse   qualche   compagno   di   ginnasio,   alla   mia   epoca   pendolare   per   la   frequenza   del ginnasio a San Severo, che poi fosse diventato avvocato… Troppo improbabile? L’ho fatto comunque, ma senza risultato.          La   mia   ansia   durò   abbastanza   tanto   da   essere   costretto,   al   momento,   a   riassumerla   saltando,   insieme,   il   rammarico   per     aver   subito   supinamente   la   chiusura   dell’avvocato   e   tutta   un’altra   serie   di   possibilità,   anche   ti   tipo   criminale,   che   mi   ero andato   rappresentando…   sempre,   tuttavia,   vivendomi,   insieme,   l’ambivalenza   della   quiete   che   quella   conclusione   mi offriva   tanto   da   riprendere   un   lavoro,   interrotto   da   tempo,   per   aggiungere   alla   mia   biblioteca   un   libro   su   Carlo   Magno…   ma     senza che, tuttavia, svanisse un vago senso di colpa per la remissiva acquiescenza con cui avevo accettato la sconfitta.    Dopo forse un mese di questo lavorio, avvenne, un bel giorno, che mi venisse in mente « il mio amico Giovanni ».
Giovannantonio@aruba.it
Giovannantonio Macchiarola
RIPRESA  e  ULTIMI SVILUPPI
  sanseveropuntoit, 4 Aprile 2018