contatore sito web
Questa Lettera Aperta non ha trovato che tre riverberi tra gli oltre cento invii effettuati in RETE, questo magico alter-ego di Massa e/o magico alter-ego del Sistema al quale mi ero rivolto fidente.    Ripensando a quanto mi aveva risposto a suo tempo «Famiglia Cristiana», ho molto apprezzato un gentile giornalista (lo immagino con un sorrisetto tra le labbra mentre aggiustava il mio incipit della lettera) che ha pubblicato la mia Lettera Aperta e con il quale ho avuto uno scambi di mail, che riporto puntuale.
segue LETTERA  APERTA alle Testate e Agenzie giornalistiche e agli uomini di buona volontà
Questa   Lettera   Aperta   non   ha   trovato   che   tre riverberi   tra   gli   oltre   cento   invii   effettuati   in RETE,   questo   magico   alter-ego   di   Massa   e/o magico   alter-ego   del   Sistema   al   quale   mi   ero rivolto fidente.          Ripensando   a   quanto   mi   aveva   risposto   a   suo tempo      «Famiglia      Cristiana»,      ho      molto apprezzato   un   gentile   giornalista   (lo   immagino con     un     sorrisetto     tra     le     labbra     mentre aggiustava   il   mio   incipit   della   lettera)   che   ha pubblicato   la   mia   Lettera Aperta   e   con   il   quale ho    avuto    uno    scambio    di    mail,    che    riporto puntuale.
         Né   è   valso   l’invio   di   esposti   a   vari   organi   istituzionali   (Prefettura   di Foggia,   Dipartimento   Funzione         Pubblica,   Ministero   dell’Interno,   Corte   dei Conti,   Ordine   dei   Medici   e   altri)   tutti   omertosi      ad   eccezione   dell’allora Presidente   della   Repubblica   Ciampi   il   cui   intervento   servì   a   costringere   la Procura   della   Repubblica   di   Foggia   a   iscrivere   nel   registro   degli   indagati (finalmente   e   dopo   ben   28   mesi   persi   in   inutili,   pretestuose   e   fantasiose     indagini   suppletive)   i   responsabili   del   TSO   (dirigenti,   medici   e   sindaco   del Comune)   con   l’accusa   di   concorso   in   sequestro   di   persona   e   degli   altri   reati connessi. ***          Sorvolo   sugli   ulteriori   risvolti   e   i   travagli   dell’azione   penale   che   ho dovuto   affrontare   contro   i   responsabili   dell’azione   delittuosa   attuata   contro la   mia   persona   i   quali,   tutti,   dopo   essere   stati   assolti   (sic!)   in   prima   istanza senza   rinvio   a   processo,   non   ne   hanno   mai   pagato   il   fio   per   quanto   la   loro responsabilità    penale    sia    stata    successivamente    riconosciuta    da    ben    due sentenze di Cassazione.          Aggiungo   soltanto   che,   a   beffa   mia   e   di   ogni   logico   criterio,   nel   mese   di novembre   2006,   la   medesima   Procura   di   Foggia,   sempre   restata   sorda   e indifferente   alle   denunce   da   me   presentate,   tanto   da   consentire   e   agevolare il   perpetuarsi   fin   lì   del   reato   e   il   danno   erariale   conseguente,   procedeva   nei miei    confronti    per    “l'ingiusto    vantaggio    patrimoniale    rappresentato    dal percepire   uno   stipendio   in   assenza   di   attività   lavorativa”   per      un   danno erariale pari a oltre 90 mila euro.    Solo   in   questo   caso   ho   avuto   modo   di   assistere   alla   stupefacente   velocità della   giustizia   italiana,   se   guidata   dal   potere   vendicativo   della   politica,   tanto che   in   data   8   aprile   2008   sono   stato   sottoposto   a   giudizio   dal   quale   sono   poi risultato    assolto    senza    rinvio    a    processo,    al    solo    fine    di    evitare    un dibattimento    che    avrebbe    consentito        di    evidenziare    e    documentare    la responsabilità    giudiziale    dei    dirigenti    e    funzionari    dell’amministrazione comunale che avevano richiesto il rito abbreviato.
            Nessuno    pagherà,    quindi,    quei    90    mila    euro    come    nessuno    ha ripagato   quel   funzionario,   responsabile   dell’Ufficio   Relazioni   con   il pubblico   del   Comune   di   San   Severo,   annoverato   tra   i   migliori 100   uffici   di   tutta   la   pubblica   amministrazione      nazionale,      i cui    progetti    venivano    finanziati    dallo    Stato,    e    che    da    oltre quindici   anni   chiede   giustizia   per   i   reati   commessi   a   suo   danno con    il    calpestamento    della    sua    professionalità    e    della    sua dignità,   insieme   ai   suoi   diritti   personali   inutilmente   tutelati dalla   Costituzione,   e   che   abbia   termine   il   silenzio   omertoso che li ha consentiti e agevolati. ***          Per   quanto   possa   riconoscere   come   in   Italia   avvengano   episodi      ben più   gravi,   ritengo   che   quanto   è   accaduto   nel   Comune   di   San   Severo   -   nella   complice   e   colpevole   indifferenza   della   politica,   della   magistratura   e della   opinione   pubblica   a   livello   locale   e   nazionale,   nonché   per   tutte   le implicazioni   sottese   alla   persecuzione   attuata   nel   corso   di   oltre   quindici anni    contro    la    mia    persona    come    individuo,    come    cittadino    e    come pubblico   dipendente    -    possa   meritare   una   qualche   attenzione   in   quanto offre   un’ampia   rappresentazione   dell’attuale   degrado   politico,   giuridico e sociale che si vive a livello locale e nazionale.            Se    ancora    una    volta    non    lo    fosse,    sarebbe    ben    triste    la riflessione   da   farsi   sui   destinatari   di   questa   mia   lettera   aperta   e sul ruolo da questi assolto nella nostra società. Gennaio 2017    Giovannantonio Macchiarola            “homo quidam”
      Mi   ha   telefonato Antonio   Mastroiorio ,   il   direttore   de Ilcampanile.it ,   persona,   si   direbbe,   di   San   Severo, per   attestarmi   la   sua   amicizia   e   la   sua   disponibilità, che    «ma    come    stai?    Dove    sei?    Io    esco    da    una operazione…»;   che   certamente   avrebbe   pubblicato   il tutto    sul    cartaceo    che    usciva    tra    quattro    giorni, domenica;   che   avrei   potuto   vederlo   sulla   edizione   in rete già lunedì e che tanti saluti.       Ho   cercato   invano   l’articolo   il   lunedì   e   il   lunedì successivo   sul   sito   retto   da   questa   persona   (si   dice così?)   di   San   Severo   a   mostra   di   quanta   viltà   si   è capaci   di   condividere   in   contraltare   alla   millantata   e inaspettata disponibilità, tra l’altro non richiesta.
Torna a  INTRODUZIONE Guarda qui  se vuoi leggere