contatore sito web
   SEI COMUNISTA? ALLORA IN MANICOMIO          Non   ricordo   cosa   stessi   cercando   su   internet quando    mi    sono    imbattuto    in    questo    articolo dove   la   mia   vicenda   veniva   distorta   in   maniera invereconda.          L’indignazione   fu   tale   che   non   seppi   darvi   alcuno   sfogo   al momento,     impietrito     ed     esterrefatto     da     quelle     fandonie, aggravate   dal   fatto   di   essere   individuato   come   «comunista»   a solo uso e consumo del nefando estensore.    Credo   di   aver   steso   un   commento,   all’impronta,   ma,   se   così   è, non ne è rimasta traccia sul sito..       Restava,   tuttavia,   quella   rabbia   per   questo   farabutto   che   usava   il   mio nome   e   la   mia   storia   per   farne   una   esposizione   storpiata   e   non   vera   finché mi   decisi   a   scrivere   a   questo   impostore   per   esporgli   il   mio   disappunto   per le sue menzogne. Certamente scrissi al desso! E  quello sciagurato rispose!             Lo   spasmo   fu   tale   che,   alla   fine,   sbottai   in   una   lettera   lunghissima,   quanto   inutile   come   al   solito,   con   la   quale, partendo dal fatto, esponevo la verità di quanto mi era in effetti accaduto a smentita di quell’impostore.       Per   darne   conto   ai   miei   sette   lettori,   mi   accingo,   nel   complettare   questo   commento,   a   ripescare,   dopo   anni,   questi documenti,   a   doverli   rileggere   con   la   vergogna   di   chi   deve   ammettere   l’inutilità   delle   proprie   illusioni   e,   poi,   a   doverli impaginare meditando sul modo migliore per rappresentarveli. Abbiate un menomo conto del mio impegno a farvene edotti!          Incredibile,   comunque,   che   tra   tanti   giornali   e   giornalisti   che   in quindici   anni   ho   cercato   di   interessare   senza   alcun   esito   alla   mia vicenda,      l’UNICO   con   il   quale   mi   sia   incontrato   -   e   che   non   ho   mai cercato   ma   mi   si   è   proposto   -   si   è   rivelato   essere   un   fanfarone   da quattro   soldi   e   un   impostore   come,   appunto,   ha   mostrato   di   essere questo Gianni Lannes!          Ma,   rimandando   ulteriori   commenti   al   termine   della   esposizione   dei   fatti   e   ad   eventuali   note   che   potranno aggiungersi   alla   stessa   esposizione,   propongo,   nei   riquadri   laterali   la   documentazione   che   testimonia   il   mio giudizio   su   questo   «miles   gloriosus»,   fantoccio   ed   emblema   della   professione   che   millanta,   esempio   della miseria   raggiunta   dal   «gene   italico»   in   salsa   sanseverese   (come   se   non   bastasse   Mastroiorio)   che   si   aggiunge, dopo i personaggi principali, alle comparse presenti nel mio racconto.
IL POST DI GIANNI LANNES
Le mail
LA LETTERA
Commento al post
Chi è Gianni Lannes